Commenta

'Paderno Riparti' entra
nel vivo. Il parroco: 'Una
esigenza, non uno slogan'

Si intitolata ‘PadernoRiparti’ il progetto che la parrocchia di San Dalmazio di Paderno Ponchielli ha ideato all’inizio dell’anno pastorale per ridare slancio alla vita ecclesiale e civile dopo i mesi della quarantena che inevitabilmente hanno rarefatto le relazioni tra le persone favorendo un marcato individualismo. “’PadernoRiparti’ – spiega l’arciprete don Claudio Rasoli – non è solo uno slogan, ma una esigenza che prepotente germoglia nel cuore di tutte quelle donne e uomini di buona volontà che hanno compreso che solo insieme e solo uniti è possibile superare le prove che la vita ci pone innanzi. Nella consapevolezza che insieme è più facile, insieme è più bello”.

Il progetto è stato presentato lo scorso 22 agosto durante il concerto che la banda di Casalbuttano, diretta dal maestro Andrea Maggioni, ha offerto sulla piazza della chiesa di San Dalmazio. La prima esibizione dopo lo stop obbligato a causa del Coranovirus. “E’ stata una serata emozionante – continua il parroco – che ha visto la partecipazione di moltissimi padernesi desiderosi di rivedersi e di scambiare quattro chiacchiere, sempre con la mascherina e con il dovuto distanziamento. La forza e la bellezza della musica ci ha dato forza e slancio per riprendere il cammino”.
don Rasoli quindi spiega: “La parrocchia non si è mai fermata. Durante la pandemia abbiamo cercato in tutti i modi di manifestare vicinanza e di dare conforto: l’apertura del canale youtube, le telefonate settimanali a malati e anziani, il concerto di trombe sul campanile, la preghiera al cimitero per i morti di questi mesi. Resta indelebile nella mente la suggestiva processione del Venerdì Santo: tutti – credenti e non – ci siamo stretti attorno alla reliquia della Sacra Spina per trovare conforto, protezione, forza per affrontare il domani”.

E nella sera del 22 agosto il parroco ha individuato tre impegni: “Anzitutto una partecipazione viva e convinta alle tante attività aggregative e culturali messe in campo da parrocchia, comune e associazioni durante l’anno. In secondo luogo un appello perché crescano i volontari che si dedichino al bene comune in qualsiasi ambito. E infine l’invito pressante alla stima reciproca”. ‘PadernoRiparti’ prosegue oggi, martedì 1° settembre, con una serata dedicata a don Angelo Scaglioni, indimendicato parroco di San Dalmazio dal 1981 al 1989: il gruppo culturale “Vida” proietterà in piazza Vittorio Veneto le fotografie delle attività di quegli anni intensi e partecipati. Sabato 5 settembre, sempre alle 21, e sempre in piazza, a cura del gruppo culturale, si terrà una serata di musica con il Gruppo Strumentale Cremonese che spazierà da autori celebri come Mozart e Vivaldi fino al grande compositore contemporaneo Ennio Morricone, recentemente scomparso.

Domenica 6 settembre poi spazio alla festa patronale di Maria Bambina, protettrice della frazione di Acqualunga Badona: alle 18 nella cascina dei fratelli Maninetti il vescovo emerito di Cremona, mons. Dante Lafranconi, celebrerà l’Eucaristia solenne che si concluderà con un atto di venerazione a Santa Maria Nascente. Seguirà la cena presso la vicina trattoria Zava. Martedì 8, giorno esatto della solennità, alle 18, nella chiesa di Acqualunga, il vicario generale della diocesi, mons. Massimo Calvi, presiederà la Messa solenne. Da segnalare poi il tradizionale pellegrinaggio parrocchiale a Caravaggio che si terrà domenica 4 ottobre, nel pomeriggio. Il progetto riguarda anche i bambini e ragazzi: il 26 maggio è stato proposto lo spettacolo di animazione “Magia alla giusta distanza” di Stefano Priori ed è ripartito il DigitalGrest 20.20 da lunedì 31 agosto al 4 settembre, dalle 10 alle 11, sul canale Youtube della parrocchia. I catechisti, poi, stanno radunando in questi giorni i loro gruppi per un incontro informale all’aperto: un modo “semplice ma efficace per rivedersi e confrontarsi insieme”.

© Riproduzione riservata
Commenti