15 Commenti

Posato nuovo Cristo al posto
della statua (danneggiata) di
Spadari: dono di un indiano

Foto Sessa
E’ comparsa una nuova statua sul Lungo Po Europa, al posto di quella del Cristo di Mario Spadari recentemente abbattuta da ignoti vandali: si tratta di un altro crocifisso, posizionato lì da un indiano residente a Cremona e che frequenta spesso la zona. L’uomo, Sing Shamsher, dopo aver saputo del danno subito alla statua lignea di Spadari, ha voluto fare qualcosa, perché “anche se ha nomi diversi, Dio è lo stesso per tutti”. Dispiaciuto quindi per quanto accaduto, ha voluto fare questo dono alla città e a una zona, quella lungo il fiume, dove ama fermarsi a riposare, dopo aver lavorato in stalla.
La statua abbattuta, danneggiata dai vandali, è ora in riparazione presso la casa dello stesso Spadari, che non la lascerà più a Cremona: una volta sistemata, verrà infatti posizionata sulla sponda piacentina nei prossimi giorni, dove era ubicata quella precedentemente rubata, ma in una posizione raggiungibile solo via fiume.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Orto

    Bel segno, bel crocifisso! Grazie!

    • Chicca

      Concordo

      • Jeppetto

        Mi unisco a te! ☺

  • A. G.

    Nobile gesto. Complimenti.

  • ciclo-pe

    La domanda è, in uno Stato laico, cosa ci fa un crocifisso sulla pubblica passeggiata del lungo Po. I simboli religiosi devono stare nei luoghi di culto. Se invece si tratta di un’opera artistica che da senso al luogo il discorso sarebbe diverso, ma non mi pare proprio. Il Comune che dice? Sono state rilasciate tutte le autorizzazioni ambientali e paesaggistiche e verificata la sicurezza statica della struttura?

    • Abiff

      Rifletta sul fatto che questa scultura è un generoso dono di un uomo che non è nemmeno di fede cristiano. Forse capirà qualcosa sull’umanità.

      • ciclo-pe

        Il gesto di generosità non si discute, io vorrei capire, invece che qualcosa sull’ umanità di cui non ho la presunzione, tanto c’e già lei, il significato dell’operazione di costellare le rive del Po di crocefissi come se fossimo su una via crucis. Non è che la cosa mi turbi più di tanto, per carità, visto che a Roma c’e l’unico stato teocratico d’Occidente, ma invece vorrei il rispetto delle leggi statali e anche comunali. Mi chiedo, ad esempio, perché Cremonaoggi continui a scrivere che la statua dello scultore Spadari è di legno mentre in realtà è di cemento. Una statua di cemento del peso di tot chili è stata issata a 4 metri di altezza, con quali garanzie statiche? Quali garanzie da la nuova statua? Allora si da il caso che io mi preoccupi di chi passa sotto a queste fenomenali opere d’arte che, per carità, non è come preoccuparsi dell’intera umanità. Se si mette una struttura su un’area pubblica ci devono essere le condizioni di sicurezza, punto.

      • mirko ansaldi

        Gli indiani hanno una visione della religiosita molto piu alta della nostra e chi ha visitato l’india te lo potra confermare.Umanità giusto abiff!!

    • PierPiero

      Domanda tutto sommato legittima, anche se a me non disturba affatto ci sia una statua del Cristo.
      E’ comunque una delle tante contraddizioni di una società che non vuol prendere posizioni. Si accetta di mettere una statua del Cristo su un pubblico passaggio e si accetta di non organizzare feste natalizie negli asili per non offendere i seguaci di altre religioni.
      La coerenza?

  • Abiff

    Quasi non ci credo che esistano ancora persone come Sing Shamsher. Che il suo Dio lo benedica, io mi limito a ringraziarlo con tutto il cuore.

  • roberto ruffo

    Cara redazione perchè avete CENSURATO il mio commento in risposta all’utente ciclo-pe? (e non è la prima volta che capita che miei commenti vengano elimininati).
    I miei commenti possono anche essere fortemente critici ma comunque espressi in modo educato e senza offendere nessuno, il vostro comportamento è assolutamente scorretto.

    • Chicca

      Purtroppo succede anche a me !

  • jiustis

    Grande Sing ottima idea e grande iniziativa di ricollocare il cristo al posto di quello distrutto ,speriamo però che abbia più fortuna di quello di prima

  • MENCIA

    ha fatto un nobile gesto , si parla tanto di aggregazione fra Italiani e immigrati , questo e’ un bellissimo dono che ha fatto le autorità dovrebbero ringraziarlo pubblicamente , al posto di pensare alle piste ciclabili ultima novità quella del boschetto che costerebbe una cifra folle

  • antonio1956

    Su altra testata on line ho letto che il nuovo Cristo è stato rimosso.
    Noto dai like su questo articolo la presenza nei commenti di George Singleton, mitico americano della spondi.
    Un saluto da C.J. Kupec