Ultim'ora
9 Commenti

Nomina Cigni al Ponchielli,
FI attacca: 'Selezione
solo una farsa?'

La vicenda Ponchielli con la scelta del nuovo Sovrintendente continua a far discutere in città e non solo. A scendere in campo adesso sono i tre consiglieri di Forza Italia (Carlo Malvezzi, Federico Fasani e Saverio Simi) con un duro documento in cui ripercorrendo le tappe della sostituzione di Angela Cauzzi parlano di “triste messinscena da parte di un’amministrazione insipiente e autoreferenziale”.

E, come per altre nomine, i tre consiglieri dicono che è andata in scena “la solita farsa”. “Non sono bastati gli appelli, giunti da più parti, a far prevalere il criterio del merito e della qualità del curriculum dei concorrenti per smontare un disegno smaccatamente precostituito – dicono Malvezzi, Fasani e Simi – Nessun rispetto per i soci, per l’istituzione del Teatro, per i professionisti che hanno presentato il loro curriculum e che non sono stati adeguatamente valutati, per i consiglieri di amministrazione, che con grande dignità si sono dimessi non volendo essere complici di questa sceneggiata”.

I tre consiglieri di Forza Italia stigmatizzano poi le affermazioni del sindaco pubblicate sul sito “Cremona si può” nel quale ha dichiarato che la conoscenza diretta di Cigni era un valore aggiunto. “E’ così che si sceglie la figura più autorevole e più preparata? Quindi la selezione (costata 25mila euro) è stata un paravento? Bastava essere amici del Sindaco per avere un punteggio più alto” scrivono ancora i consiglieri. “I capricci di un sindaco in un sistema debole, hanno prevalso sul valore culturale di una istituzione chiave della nostra città”.

IL COMUNICATO INTEGRALE

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti