Cronaca
Commenta

Vaccini più veloci nell'hub
informatizzato: ecco come

Da stamattina l’hub vaccinale di Cremona Fiere ha aumentato il potenzial: i box di anamnesi sono passati da 12 a 15 e le postazioni vaccinali da 10 sono diventate 15. Non solo. Le aree di attesa pre e post vaccino sono state ulteriormente ampliate per garantire una maggior capienza e mantenere il distanziamento.

Prime dosi per gli over 75 e attivazione del sistema informatizzato con il portale di poste. E’ necessario munirsi di tessera sanitaria, la vera chiave di accesso per l’accettazione, l’anamnesi e somministrazione.

All’hub vaccinale si accede solo su appuntamento, dopo aver effettuato la registrazione al portale https://prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it/

L’accettazione viene eseguita all’interno dell’hub da un operatore dell’Asst di Cremona che attraverso la tessera sanitaria avvia l’utente al percorso vaccinale.

Dal momento dell’accettazione alla somministrazione, il percorso è tracciato da un codice che accompagna l’utente. Un passaggio fondamentale del percorso è l’anamnesi, ossia la raccolta della storia clinica dell’utente. L’anamnesi è a cura del medico che – grazie al codice – apre la cartella informatizzata, la compila, sceglie il tipo di vaccino dedicato, illustra il consenso informato che viene firmato dal medico stesso e dal vaccinando.

L’operatore sanitario – attraverso il codice di prenotazione – registra la somministrazione, identifica il farmaco e rilascia l’appuntamento per la seconda dose. Il nuovo sistema consente maggior fluidità a garanzia dello svolgimento di tutti i passaggi.

Possono accedere alla vaccinazione le persone dai 70 anni in avanti (nate dal 1951 in poi), gli over 80 (compresi i nati nel 1941), le persone con condizione di “estrema vulnerabilità” e i loro caregiver e le persone con disabilità grave.

Servizio di Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti