Cronaca
Commenta

Consulenze Servizi Sociali,
M5S chiede accesso agli atti

Risposta “evasiva” e non tale da giustificare “tali atti dirigenziali”, così il consigliere M5S Luca Nolli giudica la risposta dell’assessore al Welfare Rosita Viola alla sua interrogazione sulle numerose consulenze affidate dal settore Servizi Sociali ad un unico professionista, il dottor Francesco Lazzari. “Gli incarichi conferiti – scrive tra l’altro Viola – rientrano nell’ambito di progettualità  specifiche ministeriali e regionali completamente finanziate da Stato e Regione con stanziamenti non fissi e che riguardano problematiche e tematiche sociali nuove, per le quali servono competenze ad hoc”.

“Non mettendo in dubbio la preparazione della persona oggetto dell’interrogazione – obietta Nolli – ci sembra evidente che sia venuta meno la natura temporanea dell’incarico e ci chiediamo se sia stata accertata l’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili all’interno dell’amministrazione comunale”.

“Oltre a questo ci chiediamo anche se siano stati posti in essere preventivamente durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione”.

“La risposta evasiva dell’Assessore – afferma ancora Nolli –  ci ha portato a voler approfondire l’assegnazione degli incarichi professionali a personale esterno” con un accesso agli atti del 19 aprile nella quale chiediamo l’elenco completo (con la descrizione dell’incarico, nominativo della persona assegnataria e importo assegnato) delle consulenze esterne assegnate dal 1/1/2020 al 31/3/2021 che, nel suddetto periodo, siano state rinnovate almeno tre volte o abbiano avuto almeno tre incarichi alla stessa persona per un importo complessivo superiore ai 10’000 €  (sempre nello stesso periodo).

Riteniamo indispensabile approfondire come l’attuale amministrazione Comunale stia gestendo il Comune e capire le motivazioni che non consentano di valorizzare il personale dipendente (mi risultano circa 700 dipendenti).

Una volta ottenuto l’accesso agli atti provvederemo con altre interrogazioni, come forza di opposizione è nostro dovere vigilare sulla corretta amministrazione del Comune da parte della maggioranza e faremo quanto in nostro potere per analizzare meglio quelle situazioni che riteniamo poco chiare”.

nella sua risposta, Viola aveva sostenuto che “l’attuazione di progetti richiede la presenza dedicata di figure altamente specializzate non presenti all’interno dell’ente trattandosi di prestazioni specifiche a carattere contingente. pertanto l’impiego dei fondi assegnati impone la ricerca di figure esterne. … L’individuazione dei profili di competenza per ciascuna progettualità avviene attraverso apposite selezioni che periodicamente, di norma con cadenza annuale, il Settore aggiorna in coerenza con il principio della massima trasparenza nell’individuazione delle competenze professionali richieste.

La selezione si rende necessaria proprio perché gli incarichi non possono essere dati a rotazione in modo indifferente  a qualunque soggetto ma esclusivamente a chi sia in possesso di elevate competenze specialistiche richieste dai progetti finanziati dall’Ente”. gb

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti