Cronaca
Commenta

"No al Gattile in tangenziale": già
400 firme per la petizione su Change

L'area designata per la nuova costruzione

No al Gattile in tangenziale. La richiesta arriva forte e chiara nell’ambito di una petizione lanciata online su Change.org, che in due giorni ha già raccolto quasi 400 sottoscrizioni. Un appello diretto al sindaco ed ad Ats Valpadana, al fine di cambiare direzione alla procedura già in corso, che prevede la realizzazione della nuova struttura in un’area verde che sorge in via Brescia, proprio sotto la tangenziale cittadina.

“Aiutiamo il Gattile di cremona ad ottenere una nuova sede più idonea a quella segnalata vicino ad una tangenziale” si legge nel documento. “Il nostro sindaco vuole posizionare la nuova colonia in via di sfratto letteralmente sotto una tangenziale in mezzo al nulla. Noi cittadini chiediamo giustizia affinché trovino un altro posto poi idoneo anche per le volontarie che fino ad oggi li hanno accuditi”.

Nel mentre l’amministrazione comunale continua sulla strada che porterà alla realizzazione della nuova struttura. Il progetto, come emerso dalla commissione vigilanza svoltasi una settimana fa, su richiesta del centrodestra, ancora non c’è, ma gli uffici, ha evidenziato l’assessore alla partita, Simona Pasquali, stanno lavorando per metterlo a punto. Nel frattempo Ats Valpadana ha dato un parere positivo, in quanto l’area sarà completamente recintata, e quindi non metterà in pericolo i felini.

Non dello stesso parere sono i volontari della colonia felina di via Bissolati, sfrattata da un paio di mesi, che da tempo chiedono al Comune soluzioni diverse, in luoghi più tranquilli e lontani dal traffico. Tra l’altro i soldi stanziati dal Comune per il nuovo Gattile, finora 50mila euro, non saranno sufficienti per coprire tutti i costi del progetto, per cui sarà poi necessario stanziare nuovi fondi. La cosa certa è che i tempi non saranno brevi: tra la realizzazione del progetto e il suo finanziamento, l’avvio dei lavori e il trasferimento fisico dei gatti, saranno senza dubbio necessari parecchi mesi.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti