Cronaca
Commenta1

Gatti, allarme abbandoni. Superti:
"Non sappiamo più dove metterli"

E’ di nuovo emergenza abbandoni nel territorio cremonese, dove i volontari si trovano quotidianamente a dover far fronte al ritrovamento di gatti, che poi diventa difficile ricollocare, considerando che alla maxi colonia di via Bissolati non è più possibile accettare nuovi arrivi.

A lanciare l’allarme è Maria Pia Superti, presidente della Lav di Cremona che pochi giorni fa ha dovuto fronteggiare l’ennesimo abbandono, presso la colonia di via Marinai d’Italia, quella che era stata rasa al suolo da un’intervento di bonifica messo in campo da Aipo nel luglio 2020.

“In questo ultimo periodo, con la crisi dovuta al Covid e tutte le conseguenze che ci sono state, tra morti, perdita di lavoro o della casa, il risultato è stato una marea di abbandoni e ritrovamenti di intere cucciolate, gattine non sterilizzate gravide o coi cuccioli abbandonati nelle colonie” spiega la presidente Lav. “Così tutto ricade sulle spalle delle volontarie, che aprono la loro casa e i loro spazi per non lasciare in strada questi animali”.

Gli abbandoni sono nell’ordine di 3-4 a settimana, senza contare quando vengono abbandonate mamme gatte con tutti i cuccioli. Uno degli ultimi casi è stato appunto il ritrovamento di una gatta nel suo trasportino, con copertina, giochi, tiragraffi e cibo, nella coloinia di Largo Marinai d’Italia, dove periodicamente vengono ritrovati gatti adulti e piccoli. “In poco tempo ne abbiamo recuperati 5” continua Superti. L’ultimo caso, trattandosi di una gatta dotata di microchip, è passato sotto l’attenzione della Polizia Locale, che sta indagando per risalire al proprietario e ai motivi dell’abbandono. lb

© Riproduzione riservata
Commenti