Spettacolo
Commenta

La fiaba "Il piccolo re dei fiori"
al Ponchielli giovedì 10 marzo

Per la rassegna “Oltreibanchi” al teatro Ponchielli di Cremona, il teatro per ragazzi, giovedì 10 marzo alle 10 andrà in scena “Il piccolo re dei fiori”, fiaba per musica, ombre e danza da Il piccolo Re dei Fiori di Květa Pacovská. Una creazione di Valerio Longo e Fabrizio Montecchi con Marcello Giovani e Isabella Minosi; drammaturgia Enrica Carini e Fabrizio Montecchi; coreografie Valerio Longo; regia e scene Fabrizio Montecchi; musiche Paolo Codognola; sagome Nicoletta Garioni e Agnese Meroni (tratte dai disegni di Květa Pacovská); costumi Sara Bartesaghi Gallo e Nicoletta Garioni; luci Anna Adorno; voci Valeria Barreca e Tiziano Ferrari.

Il piccolo Re dei Fiori è una fiaba. Della fiaba c’è il classico “C’era una volta” e anche l’immancabile “Re” che però qui è piccolo e curioso, vive in solitudine, ama il suo giardino e ha le tasche piene di bulbi di tulipano. Della fiaba c’è anche il tema “dell’attesa”, la lunga attesa del Re prima dello sbocciare dei fiori e anche quello della “mancanza”. Mancanza di cosa? Il Re non lo sa, ma sa che i suoi tulipani, pur bellissimi, non riescono a renderlo felice. E allora ecco il “viaggio” alla ricerca di ciò che può colmare la sua mancanza. Un viaggio che è come un sogno, su rotte nuove e sconosciute al Re, che dura solo un giorno e una notte ma che sembra racchiudere il tempo di una vita.

Nella luce del mattino il Re sente una voce sottile provenire da un fiore di tulipano appena dischiuso che ripete “sono qui, sono qui…”. Davanti a una piccola principessa il re pieno di meraviglia si chiede “È forse lei che ho tanto a lungo cercato?”.

Come in ogni fiaba che si rispetti non manca nemmeno il “e vissero tutti felici e contenti” e questo ci fa pensare che sì, era proprio lei che il Re aveva tanto a lungo desiderato.

© Riproduzione riservata
Commenti