Cronaca
Commenta

Suor Luisa Dell'Orto uccisa ad Haiti
Suo fratello è barnabita a Cremona

Luisa Dell’Orto, suora lecchese di 65 anni, è stata uccisa ieri ad Haiti, probabilmente a scopo di rapina, nella capitale Port au Prince dove operava. La religiosa era nell’isola da 20 anni. Uno dei tre fratelli della vittima è Giuseppe Dell’Orto, padre barnabita nella chiesa di San Luca a Cremona. La comunità barnabita e i fedeli che frequentano San Luca si sono stretti con la preghiera e l’affetto attorno a padre Giuseppe.

Suor Luisa sarebbe stata vittima di un’aggressione armata mentre si trovava in una strada. Gravemente ferita, è stata portata d’urgenza all’ospedale Bernard Mevs, dove si è spenta poco dopo, due giorni prima di compiere 65 anni.

La religiosa, nata in Lomagna, aveva scritto una lettera in occasione della Pasqua a parenti e a conoscenti della comunità di  cui era originaria, esprimendo la sua preoccupazione per la situazione di violenza generale nel Paese caraibico.

A Port-au-Prince dove “seur Luisa”, come la chiamavano, era un’istituzione, dato che era la colonna portante di Kay Chal, “Casa Carlo”, in un sobborgo poverissimo di Port-au-Prince, dedicando la sua vita e la missione ai baby schiavi. “Casa Carlo” è stato ricostruita grazie ai fondi raccolti dalla Caritas italiana con la maxi-colletta del 2010, promossa dalla Cei.

Dopo aver frequentato il Liceo Scientifico di Lecco, nel 1984 la religiosa si laurea in Storia e Filosofia. Nello stesso anno entra nella Congregazione delle Piccole sorelle del Vangelo di Lione. Nel 1987 parte per il Cameroun: vive a Salapombe, in una foresta, tra i Pigmei Baka, fino al 1990. Nel frattempo a Lomagna sorge il Gruppo Missionario a sostegno di questa popolazione. Nel 1994 consegue la laurea in Teologia in Svizzera. Dal 1997 al 2001 è missionaria in Madagascar, dove alle varie attività pastorali, insegna Etica Generale e Speciale. Dal 2002 era missionaria ad Haiti. Ha anche insegnato Storia della Filosofia e la Dottrina sociale della Chiesa e ha fatto parte del Comitato di Redazione di una rivista locale.

© Riproduzione riservata
Commenti