Politica
Commenta

Poli: "Classifica Sole24Ore conferma
bontà del lavoro che stiamo facendo"

“Il balzo in avanti di Cremona nella classifica del Sole 24 Ore sulla Qualità della vita, che ci vede ora all’undicesimo posto in Italia, è un dato che fa piacere e deve essere di orgoglio per tutti i cittadini cremonesi, oltre che naturalmente per gli amministratori e i vari attori territoriali”, afferma Roberto Poli, capogruppo Pd in consiglio comunale, all’indomani della pubblicazione della graduatoria.

“Le classifiche vanno sempre lette con attenzione e cautela sia quando sono positive che quando sono negative. Ma certamente quella del Sole 24 Ore è stilata da una testata molto autorevole, è consolidata nella sua metodologia e i dati sono tutti raccolti da fonti istituzionali (come il ministero dell’Interno o della Giustizia, Istat, Inps, Agcom, Siae e Banca d’Italia) o da realtà certificate (Scenari immobiliari, Crif, Cribis, Prometeia, Iqvia, Tagliacarne e Infocamere).

Leggiamo pertanto questi dati con piacere, ma senza sorpresa perché siamo consapevoli del grande lavoro svolto dal territorio. E in particolare sottolineo il ruolo svolto dalla città capoluogo, nel mandato in corso e nel precedente, basato sulla strategia di perseguire un modello di sviluppo sostenibile della città, proiettata al futuro, ma facendo leva sui punti di forza storici e della tradizione.

Pertanto verifichiamo con piacere il risultato complessivo e gli indicatori specifici che ci posizionano ai primissimi posti in Italia. Tra questi spiccano l’indice di sportività, in particolare riferito all’età infantile, il livello di politiche culturali per i giovani, il livello di servizi per gli anziani. Da sottolineare ancora il secondo posto assoluto nell’area della città smart (innovazione digitale e servizi online per i cittadini). I dati confermano inoltre anche l’ottimo lavoro svolto sul tema della mobilità sostenibile (piste ciclabili) e sul verde urbano. Naturalmente resta ancora molto lavoro da fare e ci sono ovviamente anche indicatori meno brillanti sui quali è necessario agire.

In conclusione, va letto con attenzione il dato di alta partecipazione ai momenti elettorali, segno evidentemente di fiducia e vicinanza tra cittadini ed eletti”

© Riproduzione riservata
Commenti