Un commento

Concorso di liuteria di Pisogne Vince la scuola milanese nelle opere a pizzico Tra i liutai professionisti si afferma Marcello Villa

Foto

Le premiazioni

La Giuria del 3° Concorso internazionale di liuteria di Pisogne per strumenti antichizzati e copie di strumenti antichi presieduta dal m° liutaio Florian Leonhard  (presidente onorario il m° Cristiano Rossi) , ha concluso i suoi lavori. E’  stato portato a termine anche l’esame di tutte le opere presentate al 6° Concorso nazionale di Liuteria. La Giuria, molto selettiva e rigorosa ha esaminato  circa 200  opere  provenienti da 22 paesi rammaricandosi del fatto che molti strumenti provenienti dalla Cina non siano giunti in tempo a causa delle decisioni doganali. La valutazione unanime delle opere ammesse è stata positiva ed il presidente ha voluto esprimere un giudizio di grande compiacimento per la serietà,  la competenza e la correttezza di tutti i membri  che hanno lavorato in estrema collaborazione. Ha sottolineato anche il fatto che tutte le decisioni sono state prese all’unanimità.

La scuola milanese esce indubbiamente vincitrice  del concorso nel settore delle opere a pizzico e plettro. Affermazione incondizionata del liutaio tedesco Cristhian Lijsen che ha ottenuto una medaglia d’oro e una di bronzo nel settore delle copie di strumenti ad arco e dello svedese Stephan Lindholm che si è aggiudicato una medaglia d’oro e una d’argento nella sezione strumenti antichizzati. Ungheresi e francesi gli altri vincitori di medaglie. Di rilievo l’affermazione di alcuni liutai italiani in particolare per l’acustica (Marcello Bellei di Modena e Lorenzo Rossi  di Milano nelle due sezioni). Il cremonese Marcello Villa si è affermato invece nel settore Concorso liutai professionisti (medaglia d’argento) e gli allievi della scuola di Liuteria di Cremona hanno ottenuto notevoli affermazioni nel settore  Concorso giovani liutai.

Da rilevare l’affermazione di maestri liutai  di varie parti d’Italia   Modena, Asti, Ariano Irpino, Verona nel Concorso Liutai non professionisti.

Il presidente dell’Anlai  Prof. Gualtiero Nicolini nell’esprimere nella cerimonia di premiazione e di consegna dei diplomi e delle medaglie nella splendida cornice di Santa Maria della neve, il proprio compiacimento ha dato appuntamento a tutti alla prossima edizione della prestigiosa manifestazione per il maggio del prossimo anno.

 

6° CONCORSO NAZIONALE DI LIUTERIA DI PISOGNE

CLASSIFICHE  FINALI

CONCORSO LIUTAI PROFESSIONISTI

Sezione violino

1) Non .Assegnata

2) Marcello Villa

3) Lee Seung Jin ( Corea del Sud)

CONCORSO LIBERO

Sezione Violino

1) Kaneko  Yuji  Giappone

2) Giuseppe Altavilla  Ariano Irpino  Avellino

3) Lee Seung  Jin  Corea del Sud

Sezione Viola

1) Matteo Crotti  Carpi Modena

2) Kaneko  Yuji Giappone

3) Giuseppe Chillemi Asti

Sezione violoncello

1) Kei Yakubo Giappone

2) Kim Bion Choul Corea del Sud

3) Franco Merlo  Bovolone Verona

 

 

6° CONCORSO NAZIONALE DI LIUTERIA DI PISOGNE

CONCORSO GIOVANI LIUTAI

Sezione violino

1) Ivanov Vladimir Bulgaria

2) Hiroshi Mahari Giappone

3) Yu Zu Cina

Sezione viola

Todorov Hristo  Bulgaria Premio speciale

 

3° CONCORSO INTERNAZIONALE DI LIUTERIA DI PISOGNE

 

CLASSIFICHE  FINALI

 

COPIE DI STRUMENTI ANTICHI

Strumenti a pizzico

1) Lorenzo Lippi  Milano

2) Toni De Stefano Milano

3) Davide Serracini  Roma

Strumenti ad arco

1) Lijsen Christian  Germania

2) Lijsien Ckristian  Germania

3) Ràcz Pàl Ungheria

Premio speciale per l’ acustica  Lorenzo Rossi  Milano

 

STRUMENTI ANTICHIZZATI

1) Stefan Lindholm  Svezia

2) Alexandre Breton Francia

3) Willfram Neureither Germania  e premio  speciale acustica

Stefan Lindholm   Svezia

Premio speciale acustica   Marcello Bellei  Modena

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gigio

    Su ventisette premi assegnati, dieci sono italiani non male!!!!
    anche se evidentemente la liuteria è sempre più patrimonio internazionale…
    stanno arrivando i risultati di decenni di insegnamento da parte della scuola
    INTERNAZIONALE di liuteria di Cremona e Milano.
    E’ probabile che fra dieci anni gli italiani non facciano neanche più parte
    dell’elenco dei premiati,l’Italia è piccola per questo Mondo!