7 Commenti

Il Piano cave passa in Provincia, Salini bacchetta i suoi e ringrazia il Pd

evidprov

In un clima molto meno interessato ai contenuti e assai di più ai risvolti politici, nel pomeriggio la Provincia ha approvato il piano cave 2013-2023, con 14 voti a favore (Pdl, Lega, Udc), 6 contrari (Pd e Lista Torchio) e due astenuti (Biondi, indipendente e  Araldi, Api).  Molto critico verso le assenze tra le fila del Pdl, il suo partito, è stato il presidente Massimiliano Salini: ‘Sento di dover fare un doveroso ringraziamento al Pd. Riconosco il diverso peso politico di un gruppo che decide di restare pur non essendo d’accordo sui contenuti, per consentire un governo del territorio. Adesso dobbiamo ragionare su quale sia l’effettiva maggioranza che sostiene questa giunta’.

Tra i consiglieri assenti, almeno ad inizio dibattito, il vice coordinatore provinciale Fabio Bertusi e il consigliere regionale Carlo Malvezzi, poi arrivato al momento del voto. ‘

‘Se non ci trovassimo  in questo momento storico delicato – ha detto ancora Salini –  la conseguenza di quanto accaduto oggi (le numerose assenze tra i banchi del Pdl che rischiavano di far venir meno il numero legale per le votazioni, ndr) sarebbe stato andare tutti a casa. E’ inutile girarci attorno. Sfruttiamo questa occasione per portare avanti quella che è la vera portata culturale del Pdl’. Salini ha rivendicato la validità del suo percorso politico nei quattro anni di mandato, decidendo di ‘restare al mio posto’ anche quando avrebbe avuto la possibilità di andarsene. Poi il plauso nei confronti del Pd che ha fatto gridare a Gianpaolo Dusi all’inciucio: ‘La giunta in questo momento è sostenuta non solo convintamente da Pdl e Lega, ma dal senso di responsabilità della minoranza’.

Sono poi continuati gli interventi dei consiglieri, quasi tutti a sostegno del documento di pianificazione territoriale che prevede l’escavazione di argille nel Pianalto della Melotta. Giampaolo Dusi ha parlato di ‘doppio inciucio’ tra Pdl e Pd: ‘Se restate dentro e votate contro è ancora peggio’, ha detto tra l’altro il consigliere prima di uscire dalla sala al momento delle votazioni. Aggiungendo quindi: ‘Qui c’è in ballo una questione squisitamente politica. Non è vero che il Piano cave debba essere adottato necessariamente oggi. Salini avrebbe dovuto trovare una soluzione prima di venire in aula se pensava di non avere i numeri. Questa maggioranza deve riprendere le fila al suo interno’.

Cesare Mainardi, capogruppo Pd ha invece motivato la scelta di restare come volontà di dare ancora un senso al Consiglio provinciale: ‘Il Consiglio è un’istituzione non della sola maggioranza, ma dei consiglieri, che lo devono far funzionare. Posso accettare di tutto – ha poi aggiunto in riferimento alle accuse di accordi sottobanco Pd- Pdl fatte da Dusi – credo che sipsosa essere in disccordo sulle posizioni di un gruppoi, ma non accetto che si facciano insinuazioni su accordi non trasparenti, sia sul piano cave che su altri argomenti’.

Andrea Virgilio Pd, a margine dei banchi consigliari, ha spiegato che non avrebbe avuto senso far mancare il numero legale oggi per poi trovarsi fra due settimane a votare nuovamente il Piano. ‘Sul Piano Cave c’è un largo consenso, a cominciare dalle categorie economiche’. Di qui la scelta di merito di non fare ostruzionismo alla cava.

Antonio Agazzi (Pdl) ha ridimensionato il peso della scelta del Pd di restare in aula: ‘La maggioranza che sostiene questa giunta è chiara ed è quella di sempre, Pdl e Lega. Se dovessimo cambiare le alleanze, lo faremmo prima di tutto proponendolo agli elettori. Quello di oggi è stato veramente solo un problema organizzativo, nel merito del piano cave non c’è alcuna discussione’. Per la lega Nord è intervenuto Franco Mazzocco: ‘A noi non interessano larghe intese, né qui né a Roma. Certo, la maggioranza era partita un po’ più solida di quanto sia ora, ma è ovvio che non c’è alternativa alla maggioranza attuale’.

Inciucio o larghe intese è vero che il Pd avrebbe potuto, uscendo dall’aula, far vacillare definitivamente l’esperienza di governo di un Pdl fortemente diviso, cosa che non è avvenuta.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • up&down

    domanda ai consiglieri provinciali pd da ex votante pd: mi potreste dire il numero di tessera pd di tafazzi? definire risibili le dichiarazioni lette è ancora poco.

  • Roberto

    Concordo. Il Pd cremonese segue quello nazionale: cerca ogni occasione per farsi del male. Stampella a Salini? Proprio sul Piano Cave, che come noto non muove forti interessi..E inoltre pongo una domanda: Salini non ha la maggioranza sullo statuto del MDV; non ha la maggioranza sul Piano Cave; non ha la maggioranza sull’acqua. Ma Salini, che maggioranza ha? Se ce l’ha? E ancora: è militante PDL? O Montiano? O cos’altro?

    • Michael

      Salini non ha più la maggioranza, in barba a quello che la solita saccenza di Agazzi minimizza come «un problema organizzativo». In sostanza la sua maggioranza è pari al potenziale bellico del Lussemburgo. Ma ci sono equilibri (che nulla hanno a che vedere coi problemi reali della gente) che non si vuole far saltare. Per questo, si continua a tenere questa giunta attaccata alla macchina che la tiene in vita, quando sarebbe molto meglio una sana e definitiva eutanasia. Ma chi vuole prendersi la responsabilità di staccare la spina? Questo è il problema.

  • giuseppe

    nonostante i numerosi rilievi mossi e la ripresa da parte di altri organi, non è stato dato alcun riscontro agli interventi di Araldi, Biondi, Torchio, Trespidi…

  • giuseppe torchiol

    non trovo nessun riferimento agli interventi di Araldi, Biondi, Torchio, Trespidi…che pure registrano riscontri su altri organi, anche per la vicenda legata i risvolti occupazionali ed alle attività connesse alle cave, talvolta programmate come discariche (v. Cappella Cantone per l’amianto)

  • Michael

    E’ vero, il Pd avrebbe potuto, uscendo dall’aula, far vacillare l’esperienza di governo di un Pdl fortemente diviso. Ma finché dal Pd non si espelleranno tutti quei doppiogiochisti (come quello che a Cremona chiamano “il ducetto”) che vanno avanti a colpi di inciuci e che considerano la politica un astratto gioco di scacchi, equilibri e rapporti di potere, nel quale riflettere solo sulla mossa migliore per sé stessi, il Pd non potrà fare quanto messo al condizionale nella chiusa dell’articolo. Se il Pd vuol far questo, la strada è quella indicata sopra. Si liberi di tutta quella gentaglia, quella che va a braccetto con gli agricoltori (e con la becera linea del loro giornale), quella che nella Tamoil ha fatto non so quanti danni (ci fermiamo qui? Sì, meglio), quella che contro le numerose avvisaglie di un prossimo scempio ambientale nel biogas sta agendo a colpi di biogas intestinale e null’altro, quella degli opportunisti viscidi ed isterici che vogliono stare con un piede in tre fosse pur avendo una gamba sola, ecc. Non facci nomi. Queste poche righe dovrebbero già essere sufficienti per richiamare nomi ben conosciuti…

  • giuseppe torchiol

    come ha rilevato Bazoli de “La Provincia” il mio voto è stato contrario. Il piano arriva con quattro anni di ritardo rispetto all’aggiornamento voluto all’unanimità dalla Commissione Ambiente presieduta dal verde Ladina. Sono rimasto in aula per rispetto istituzionale ma ho rilevato l’enorme ritardo accumulato e l’aggravarsi di vicende occupazionali alla cava Alberti di San Bernardino ed alla De Poli di Rivolta d’Adda per carenza di aree di escavazione. Ho condannato il centralismo regionale e l’accumulo di fatti di malcostume che, uniti agli arresti di persone che non ho mai voluto ricevere durante il mio mandato, spingono verso un autentico decentramento delle sedi decisionali. Ho condannato la pratica che non garantisce il ripristino agrario delle aree di cava ed, anzi, come per Cappelle Cantone ha visto atti di indirizzo ad personam per riempire il buco della cava con una discarica di inerti ed infine segnalato la viva opposizione da parte di comitati ed ambientalisti contro l’incisione del Pianalto della Melotta