Commenta

Sei Giorni delle Rose tributo all’Unità d’ItaliaIl 27 il via con le note di Mameli

Tutti sull’attenti ad ascoltare le note dell’Inno di Mameli. Anche la tradizionale Sei Giorni delle Rose di Fiorenzuola si prepara a celebrare I 150 dell’Unità d’Italia. L’appuntamento con il grande ciclismo internazionale su pista scatterà alle 20,30 del prossimo 27 giugno sull’anello del velodromo piacentino per concludersi il 2 luglio. A dare il simbolico colpo di pistola sarà il sindaco della Giovanni Compiani, che è anche il Presidente del Comitato Organizzatore. Di livello assoluto il cast dei partecipanti, che annovera: il campione olimpico Walter Perez, i campioni europei Blaha, Hochman, Dostal e Paolo Simion e i più volte vincitori del titolo italiano Masotti, Ciccone e Ignazio Moser. Accanto al programma riservato ai professionisti, spazio alle competizioni del settore giovanile e alle donne, con la presenza della primatista mondiale Sarah Hammer. Il velodromo di Fiorenzuola è stato inaugurato nel 1929 con la vittoria di Costante Girardengo e con Pasquale Tosi (cui è dedicata quest’edizione), nelle vesti di direttore di corsa. Direttore dell’impianto è oggi Claudio Santi.

 

© Riproduzione riservata
Commenti