Commenta

Un convegno sul fotovoltaico organizzato da AmbienteScienze Il 22 alla Camera di Commercio

pannelliaterra

Il 22 novembre dalle 15 nella Sala Maffei della Camera di Commercio (Via Lanaioli) il Circolo Culturale “Ambiente Scienze” organizza il convegno “Il fotovoltaico come strumento per uno sviluppo sostenibile”.
L’8 luglio scorso a Catania, in occasione dell’inaugurazione dello stabilimento “3SUN”, il più grande impianto industriale italiano per la produzione di pannelli fotovoltaici a forte contenuto tecnologicamente innovativo, l’a.d. dell’Enel, Fulvio Conti, ha dichiarato: “L’energia solare ha conosciuto una crescita straordinaria» e l’Italia è ormai «il secondo Paese in Europa (prima la Germania, n.d.r.) per capacità installata»: basti pensare che a fine giugno era stato già superato l’obiettivo nazionale al 2020 di 8 GW di capacità installata. «Proseguendo di questo passo – ha concluso Conti – possiamo stimare che arriveremo fino a 30 GW al 2020».

A metà settembre un comunicato del GSE, il Gestore Servizi Elettrici italiano, precisava che a fine 2011 la potenza installata del fotovoltaico (PV) nel nostro paese sarà di 12 GW e che l’energia prodotta coprirà circa il 3% dei consumi elettrici (solo nel 2009 era lo 0,2%). Ancora più ottimistica la previsione di Kyoto Club: per il 2012 una copertura dei consumi elettrici nazionali fino al 5,5%.

Negli stessi giorni, il “Joint research centre” della Commissione europea ha appena pubblicato la Xª edizione del “PV status report”, il rapporto annuale sulle condizioni del mercato dell’energia solare, registrava che il trend degli investimenti nel settore R&S è destinato a salire. Entro il 2016, infatti, le cifre investite su scala globale per implementare la tecnologia PV potrebbero raddoppiare, crescendo dai 35-40 miliardi di euro del 2010 ad oltre 70 nel 2015. L’attuale produzione a costi sempre minori dei pannelli PV nel mondo è controllata per quasi il 90% dalle industrie asiatiche. A fare diminuire ulteriormente il costo per gli utenti finali sarà però l’innovazione tecnologica nel settore. Da questo stesso Centro di ricerca, infine, l’energia solare, in virtù soprattutto del successo che negli ultimi anni il PV sta ottenendo presso le economie emergenti, veniva vista come uno dei tasselli chiave per il passaggio a una società “carbon free”.

Sarà pertanto solo una forte innovazione tecnologica nel PV che potrà aprire per il nostro paese nuovi grandi spazi in un mercato, forse l’unico, in forte crescita.

Tenuto conto che il nostro territorio da anni sta progressivamente scivolando verso un mesto declino, che oggi vi è più marcatamente sospinto, oltre che dalla pesante crisi economica generale, dalle ultime negative vicende di qualche grande azienda locale, il Circolo culturale “AmbienteScienze”, grazie alla collaborazione della Camera di Commercio di Cremona e del Consorzio Agrario Provinciale, con questo Convegno intende offrire all’imprenditoria locale un esaustivo pacchetto informativo incentrato proprio sulla innovazione tecnologica nel campo dei pannelli PV nella speranza che possa rappresentare un’occasione di riflessione sulle favorevoli opportunità di impresa.

Moderato dal prof. Gianni Mattioli, Docente presso la Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell’Università “La Sapienza” di Roma, l’evento cremonese vedrà il gradito ritorno a Cremona del prof. Stefano Ossicini, dal 2010 Direttore del Centro di Ricerca Interdipartimentale “En&Tech” dell´Università di Modena e Reggio Emilia su risparmio energetico e energie alternative, la partecipazione del prof. Valerio Rossi Albertini,  Professore incaricato di chimica-fisica dei materiali presso il Dipartimento di Chimica dell’Università “La Sapienza” di Roma e ricercatore del CNR che consentiranno di intravvedere gli importanti scenari futuri che si aprono in questo campo per l’industria italiana. Accanto ad essi siederà il dott. Gianluca Timò, Direttore del Laboratorio della Enea-RSE di Piacenza che ha appena presentato ufficialmente una nuovissima cella fotovoltaica a concentrazione che riduce la superficie dei pannelli necessaria per ottenere un kW da 6-7 m2 a 80 cm2 (80 centimetri quadrati). Da ultimi, ma certo non in ordine di importanza, saranno presenti il dott. Andrea Cuomo, Presidente della citata “3SUN” di Catania, la più grande industria in Italia nel campo del fotovoltaico con un prodotto altamente innovativo, il dott. Gabriele Insabato, Docente del Politecnico di Milano presso il Polo Territoriale di Cremona, ed infine, l’ing. Giuseppe Dasti, specialista Desk Energy dell’Istituto Medio Credito Italiano. Il dott. Cuomo parlerà delle prospettive del settore, il dott. Insabato su alcune valutazioni tecnico-economiche della scelta fotovoltaica, mentre l’ing. Dasti chiuderà il percorso dell’iniziativa con l’illustrazione delle opportunità finanziarie per le imprese che vogliano investire.

Per finire, è previsto un ampio spazio finale per porgere ai relatori domande e chiarimenti.

© Riproduzione riservata
Commenti