Un commento

Polizia locale tra controlli e sensibilizzazione, il bilancio annuale

Conferenza-stampa

– Sopra, il vicecomandante Sforza, il comandante Germanà Ballarino e il sindaco Perri
FOTO FRANCESCO SESSA

Con l’occasione della ricorrenza di San Sebastiano, patrono dei vigili che verrà celebrato venerdì in una messa nella chiesa di San Francesco (Zaist) alle 10,30, è stato presentato questa mattina il bilancio 2011 dell’attività della polizia locale di Cremona. E’ stato il sindaco Oreste Perri, con delega alla sicurezza, a introdurre il successivo intervento del comandante Fabio Germanà Ballarino, che nella sala riunioni del comando di piazza della Libertà ha descritto i dati, affiancato dal vicecomandante Pierluigi Sforza.

Il primo cittadino ha evidenziato l’importanza del ruolo svolto dagli agenti, le cui competenze in questi ultimi anni sono significativamente aumentate, e ha ricordato come il rispetto delle regole sia fondamentale per una civile convivenza. Rispettare le regole, ha chiarito il sindaco, non significa dover sottostare a imposizioni, al contrario vuol dire esercitare i propri diritti senza ledere quegli degli altri. Nel dettaglio dell’attività, Perri ha parlato dei progetti svolti in materia di sicurezza urbana e nel campo dell’educazione stradale in collaborazione con le scuole. E ha affermato che lo sportello unico, che sta dimostrando la sua efficacia, assieme alla nuovissima centrale operativa, sono il vero fiore all’occhiello del corpo dal punto di vista tecnologico e organizzativo. “Mi complimento per i risultati testimoniati dal bilancio e per la collaborazione fruttuosa instaurata tra la polizia locale e le diverse forze dell’ordine, che comunica sicurezza alla cittadinanza”, ha inoltre aggiunto.

Si è poi entrati nello specifico con il bilancio. Aumenta l’impegno della polizia locale nell’area giudiziaria. Ben 877 gli atti protocollati (591 nel 2009, 785 nel 2010). E’ di 263 il totale delle notizie di reato. In crescita le attività delegate dell’autorità giudiziaria: 162. Stesso discorso vale per la azioni di polizia ambientale: 342 tra indagini e atti (erano 242 nel 2010 e 221 nel 2007). Calano gli incidenti con feriti e gli incidenti mortali trattati. Nel 2011, 31 i ritiri immediati della patente. Le violazioni più frequenti per incidente rientrano nella sfera della velocità (in crescita) e della precedenza. In diminuzione le richieste di intervento per veicoli in sosta, mentre aumentano proprio quelle per auto con velocità eccessiva. Rilevante il calo, nell’ordine e nella sicurezza urbana, delle richieste per atti vandalici (da 161 a 58) così come delle sanzioni per il superamento dei varchi (in zona traffico limitato o zona pedonale urbana), da 28546 (2010) a 15837 (2011).

Meno di 300 i ricorsi al prefetto seguiti dall’ufficio che si occupa del contenzioso. Il 50% dei 282 ricorsi era avverso a sanzioni contestate con il sistema dei varchi elettronici. I funzionari prefettizi ha accolto il 69% del totale, dichiarato inammissibile il 6% e rigettato il 25%. Al giudice di pace, invece, 209 ricorsi. Accolto il 37%, inammissibilità per il 6% e rigetto per il 56% dei ricorsi.

Cresce, parecchio, il numero delle sanzioni per velocità oltre i limiti, per il mancato uso di casco, cinture o per apparecchi telefonici o altro alla guida e per il mancato rispetto dei tempi al volante e di riposo nel caso dei mezzi pesanti. Sinonimo di un crescente impegno della polizia locale finalizzato a contrastare la diffusione di questi fenomeni.  Attenzione anche al meretricio su strada: 203 violazioni dell’ordinanza che impedisce contatti con le lucciole (+118 rispetto all’anno precedente).

Il comandante ha evidenziato la grande presenza, il sempre maggior controllo, sul territorio. Aumentano anche i servizi in prossimità delle scuole e degli attraversamenti pedonali.

Quasi 15mila (14.727 per l’esattezza) i cittadini che si sono rivolti all’unità operativa sportello unico, la cui attività è decollata: richieste di tipologie diverse, dalle problematiche legate alla violazione di norme fino a tematiche commerciali. Grande l’apprezzamento riscontrato nella cittadinanza, e discorso identico per quanto riguarda le azioni finalizzate alla sicurezza stradale. E in più ci sono anche i dati relativi al servizio della polizia locale, dei vigili di quartiere, al Cambonino: un sondaggio tra numerosi residenti ha messo in luce un gradimento del 92%.

ALCUNI ESTRATTI DEI DATI PRESENTATI IN CONFERENZA STAMPA

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Il Padano

    Perri: “La polizia locale è il biglietto da visita di una città”.

    Visto che con Perri le multe sono passate da 1600000 euro (2009/corada) a 4000000 euro, è meglio stare lontani dalla città fino alla fine del suo mandato.

    Perri= Multe+Tasse