Commenta

Gli studenti del Romani all'Aemcom per visitare la server farm dell'azienda

studenti-del-romani-in-visita-ad-aemcom

Aemcom, la società che gestisce la rete metropolitana in fibra ottica di Cremona e numerosi servizi a banda larga della città, ha ospitato nella sede di via Persico la classe V della sezione di Informatica dell’ITIS G. Romani di Casalmaggiore per una giornata all’insegna dell’ICT e delle telecomunicazioni.

Dodici ragazzi, accompagnati dal docente Enea Casali, hanno visitato la server farm di Aemcom, una struttura particolarmente innovativa per la conservazione e protezione dei dati delle società clienti e centro di servizi evoluti per enti pubblici e società commerciali. Gli studenti hanno ascoltato una lezione tenuta dal personale tecnico di Aemcom che ha illustrato alla scolaresca gli aspetti più interessanti dei servizi ICT e delle professioni ad essi legati: una concreta e utile opportunità per i ragazzi di sperimentare dal vivo le attività di una azienda di telecomunicazioni e potersi confrontare con addetti del settore per meglio capire le caratteristiche della professione.

Il docente Enea Casali dell’istituto G. Romani di Casalmaggiore, responsabile della classe, sottolinea che: “Visitare la server farm e incontrare esperti del settore ICT costituisce un’esperienza formativa particolarmente importante per i ragazzi. Vedere e toccare una professione è uno stimolo facile da fare proprio. Entrare in contatto con una realtà che mette in pratica le teorie studiate quotidianamente sui libri rende tutto più facile ed Aemcom, oltre che società di grande spessore professionale e commerciale, è un partner educativo fantastico e che ringraziamo per la disponibilità“.

Gerardo Paloschi Aemcom commenta: “Dietro ai bit c’è il lavoro di persone esperte e tecnologie complesse e delicate. L’abbiamo mostrato ai ragazzi: fornire stimoli e contenuti interessanti ai giovani è un impegno che assumiamo con serietà e piacere, certi dell’utilità di queste iniziative non solo per gli alunni coinvolti, ma per l’intera comunità. E poi i giovani hanno una propensione straordinaria ed un attenzione eccezionale a tutto quello che tocca la comunicazione digitale. Sarà, se non lo è già oggi, il pane del loro domani”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti