2 Commenti

Boom di reati fiscali, tempi brevi per la gestione dei fascicoli

finanza-zontini

Reati fiscali in aumento anche a Cremona. A raccontarlo è l’avvocato Alessandro Zontini, che in queste settimane sta gestendo alcuni fascicoli relativi a reati di evasione fiscale, false fatturazioni per operazioni inesistenti, occultamento di documenti, omesso versamento di imposte dirette e di Iva, nonchè di indebita compensazione nei confronti dell’Erario. In città sono cresciute le denunce dell’Agenzia delle Entrate, così pure l’attività della guardia di finanza, dell’Ispettorato del lavoro e dell’Ausl, conseguenza da un lato di un più elevato numero di comportamenti irregolari, dall’altro di una accresciuta attività di vigilanza. “Reati”, secondo Zontini, “che negli ultimi mesi la procura di Cremona tratta con una certa celerità, visti i tempi molto brevi tra l’apertura delle indagini e il rinvio a giudizio”.

Su certe questioni di carattere generale, però, il legale si è mostrato critico, in particolare su alcune decisioni del governo Monti “che hanno criminalizzato alcune violazioni tributarie ed inasprito regole di illeciti penali”. “Anche se tutto questo lo si deve considerare in un’ottica di un rinvigorito e legittimo contrasto all’evasione fiscale”, il legale si è però detto contrario all’incremento delle violazioni che prima erano considerate illecito tributario e che ora invece sono reati a tutti gli effetti. “Per questi crimini sarà istituito un processo con tutti e tre i gradi di giudizio”, ha ricordato Zontini, “il che vuol dire un notevole dispendio di energie e l’esigenza di dover affrontare significative spese, sia per i contribuenti, ma anche per lo Stato”. Un esempio: l’omesso versamento delle imposte dirette o dell’Iva. “Un reato, quest’ultimo”, per l’avvocato cremonese, “che potrebbe nascondere un atteggiamento truffaldino, ma che va ad individuare una condotta omissiva implicante l’accertamento di una semplice condotta sotto un mero profilo oggettivo, senza tuttavia la verifica dell’intento criminoso: si parla, cioè, di persone che, ad esempio, hanno pagato le imposte dirette ma che non hanno versato l’Iva dovuta, magari per mera dimenticanza, o perché impossibilitati a pagare”. “In questo caso, però”, ha sottolineato Zontini, “il reo è facilmente individuabile e il problema si potrebbe risolvere senza la necessità di istruire un processo. Si tratta, a mio avviso, di un problema di carattere amministrativo che dovrebbe essere esaminato e gestito dal giudice tributario, non da quello penale”.

E ancora: le nuove norme limitano l’accesso ai riti alternativi, “con il conseguente ingolfamento delle procure”. “In questo caso”, ha sottolineato il legale, “se l’indagato non risarcisce lo Stato non può patteggiare la pena, e quest’ostacolo, ancora una volta, comporta l’avvio di un procedimento penale. Magari per tre gradi, con costi conseguenti”.

Sono state poi abrogate le attenuanti speciali, “cioè quelle che scriminavano la condotta o che consentivano l’applicazione di una pena proporzionata al reato commesso. Ora, invece, l’indirizzo è quello di sanzionare la medesima condotta, indipendentemente dall’importo di cui si tratta nell’ambito processuale”.

Non solo: le nuove direttive prevedono anche limiti nell’applicazione della sospensione condizionale della pena, e, in più, colui che commette reati di natura fiscale avrà delle forti ostacoli all’accesso al c.d. gratuito patrocinio, una limitazione che non si riscontra in tutti gli altri reati. “Norme che mi paiono del tutto incostituzionali, ma che forse si spiegano unicamente nell’ottica del quadro della lotta all’evasione ed alle altre condotte penalmente rilevanti in ambito tributrario”, ha concluso Zontini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • sandra

    Sono norme folli che istituiscono in Italia uno stato di polizia e che attestano l’ accanimento contro chi non puo’ pagare tutte le tasse perche ‘ se no non arriva neanche a meta’ del mese, mentre sono completamente inutili verso chi le tasse non le vuole pagare. Non lasciamoci ingannare dalle apparenze. Monti non e’ la persona perbene che sembra. L’ hanno capito addirittura i tedeschi che l’ hanno richiamato al rispetto del Parlamento. Il che e’ tutto dire. Oltre al sentimento antitedesco Monti dovrebbe cominciare a preoccuparsi della rabbia montante contro di lui.

  • ANDAR SUL SICURO
    L’avvocato Zontini parla di alcuni suoi dubbi ai lettori http://www.cremonaoggi.it: che senso hanno le riforme del Professore, che colpiscono col processo penale chi non paga certi tributi; a intuito, visti i tempi, perché mancano i soldi; e che danno soprattutto una certezza, ingolfare la già lentissima giurisdizione? non bastava il rito amministrativo? e perché la Procura di Cremona in questi ultimi mesi si è subito adeguata, visti i tempi molto brevi tra l’apertura delle indagini e la richiesta di rinvio a giudizio?
    I miei dubbi. Non so cosa pensi il Professore, necessario, ma non sempre brillante come sostengono i suoi tifosi.
    Da ex burocrate posso immaginare la decisione della Procura: anche il suo lavoro viene misurato a numeri, sia dal Consiglio superiore che dal Ministero. Ovvia la risposta/difesa. È molto più veloce un rinvio a giudizio per chi non ha pagato le tasse, basta contare, che non un’indagine approfondita, che so, su una delle tante segnalazioni che può aver fatto un cittadino come me, esempio la parcella di 626,81 euro di Zanolli emessa o non emessa, questo è il problema! al Comune di Cremona, o la consulenza di 130mila euro che Pasquali Andrea si assegnò da Lgh etc etc.
    Uno che non paga, che difesa ha? uno che la fa alla Comune/Zanolli, ricorderete la conclusione dell’avvocato Gagliardi, presidente della Commissione vigilanza, ne hanno combinate di tanto grosse che non è possibile sospettare un disegno, hanno solo “lavorato” male, non smetterebbe più di difendersi, spalleggiato da immensi, che siano bravi avvocati o l’Immenso in persona!

    Cremona 09 08 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info