Commenta

Targa e via, piccoli gesti nel rispetto del grande Giovanni Cadolini

Lettera scritta da Matteo Tomasoni

Patriota si dice di una persona che ama la sua Patria. Nel clima di rinato patriottismo, che auspichiamo autentico, vorremmo chiedere ai nostri amministratori due piccoli ma significativi interventi per ripristinare quanto previsto da una delibera del consiglio comunale di Cremona del 20 ottobre 1917. In quella occasione gli amministratori del tempo decisero di dedicare a Giovanni Cadolini patriota, colonnello garibaldino e senatore una via. La strada dal 1788 si chiamava via della Posta vecchia, dal 1871 fu chiamata via Orfanotrofio dall’istituto che vi venne trasferito, dal 20 ottobre 1917 divenne via Giovanni Cadolini.

Esattamente un mese prima, il 20 settembre, all’illustre cremonese, morto a Roma l’8 giugno di quello stesso anno, era stato riservato l’onore di un busto nel cittadino famedio, sotto i portici del palazzo Comunale, con un’iscrizione che ricordava il patriottismo del nostro concittadino. Ora le fotografie che alleghiamo evidenziano per quanto riguarda la via una scritta “GIOVANNI CADOLINI” con sotto la scritta “ORFANOTROFIO”. Bisognerebbe scrivere correttamente “VIA GIOVANNI CADOLINI” e sotto “GIA’ VIA ORFANOTROFIO” in quanto Cadolini non ebbe nessun tipo di rapporto con il benemerito Ente di beneficenza. Per quanto riguarda la targa sotto il busto bisognerebbe rendere leggibile la scritta come evidenziamo nella simulazione.

Ci sembra un piccolo ma doveroso segno di rispetto per un grande cremonese.

Matteo Tomasoni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti