9 Commenti

Italia libera dagli Ogm, ecco perché aderire

Lettera scritta da Franco Bordo (Sel)

La ricchezza del nostro paese trova sostanza anche nel nostro modello agricolo che trova le sue migliori qualificazioni nei cardini della qualità e della distintività territoriale. In quest’ottica aderisco all’appello promosso dalla Task Force per un’Italia libera dagli OGM anche con l’obiettivo di fermare la brevettazione dei viventi così da favorire la libera circolazione delle sementi.

Per questo motivo sono assolutamente convinto che il prossimo Governo, di concerto con i Ministeri dell’Agricoltura, dell’Ambiente e della Salute debba adottare, entro 60 giorni dal suo insediamento, la cosiddetta clausola di salvaguardia (prevista dalla direttiva 2001/18/CE) che consente agli Stati membri di impedire l’impiego di varietà OGM quando si ravvisino motivati dubbi di natura ambientale o sanitaria, sulla sicurezza di questi prodotti.

L’adozione della clausola si è resa ancora più urgente e necessaria dopo la sentenza del 5 settembre scorso della Corte di Giustizia Europea e deve essere adottata prima delle semine, al fine di evitare il rischio concreto di contaminazione della filiera alimentare.

Se eletto, sulla scorta di tutto questo intendo impegnarmi all’interno della Commissione Agricoltura per avere la possibilità concreta di portare queste convinzioni direttamente al centro del dibattito politico del nostro Paese.

Franco Bordo
Candidato alla Camera per Sinistra Ecologia Libertà

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Toro pazzo

    Guarda che se arriva una di quelle belle carestie di una volta, il 50 % degli italiani morirà di fame visto che importiamo il 50 % del fabbisogno nazionale di cibo! Se poi il dott Galli modifica geneticamente un maiale per produrre organi per xeno trapianti, non avete nulla da dire in quanto a clausole di salvaguardia? Che dio ci scampi da sel al governo!

  • Apprezziamo l’impegno del candidato Bordo , finalmente qualche tema legato alle politiche alimentari entra nel dibattito elettorale .
    La lotta contro l’introduzione di sementi OGM in Italia deve essere accompagnata da una politica per rendere meno dipendente da estero la filiera alimentare zootecnica così da eliminare l’uso di cerali OGM di importazione ( e cosi’ rassicuriamo anche chi teme di morire di fame ! mi pare però che continuino a morire di fame i contadini dei paesi dove hanno imposto quel tipo di agricoltura , USA escluso …)e soprattutto ci auguriamo che SEL cremonese prenda una ferma posizione contro la costruzione di impianti di biogas che consumano mais ; è immorale che si usi suolo agricolo per produrre ” carburante ” ai digestori anzichè produrre alimenti per alimentare animali e uomini !
    Destinare una consistente porzione di terreno agricolo alla produzione di energia anzichè di alimenti determina inoltre il massiccio ricorso di importazione di granaglie e di farine , il più delle volte di origine OGM o provenienti da paesi dell ‘Est quindi con ulteriori rischi per la salute .
    Quindi mi auguro che il NO agli OGM si accompagni anche ad un NO al Biogas che distrugge agricoltura ( anche se ormai nel cremonese il danno è stato fatto….e guarda caso partendo da amministrazioni di centro-sinistra ..)
    Su questi temi si terrà a Cremona un Convegno nazionale il prossimo 1/2 Marzo che vedrà coinvolti i movimenti ed associazioni NO BIOGAS italiani .

  • Orso Bubu

    Beata ignoranza.

    Va bene che non lo sappia Bordo che sta solo cecando voti, ma il fiduciario Slow Food dovrebbe sapere che la varietà di grano duro Creso, quella maggiormente utilizzata per fare la pasta che mangiamo ogni giorno da 30 anni, più o meno lentamente a seconda del tempo che abbiamo, è GENETICAMENTE MODIFICATA.

    Privare gli italiani della loro pasta la vedo molto dura.

    Buon appetito.

    • fiduciarioslowfood

      Una cosa sono le sementi ibride, ottenute dall’incrocio di varietà differenti della stessa specie ( cosa che avviene da sempre in agricoltura ) ben altro gli OGM nei quali è inserito un gene estraneo , proveniente da specie e generi diversi ( nel mais Monsanto BT ad es sono inseriti i geni del Bacillus Thuringiensis e di 2 erbicidi , glifosato e glufosinato ) . Non a caso le sementi OGM sono definite transgeniche mentre il frumento Creso è una ibrido del Sen. Capelli e di un grano messicano per cui ci auguriamo di continuare a mangiare e con piacere la buona pasta italiana prodotta con farine di grano duro italiano.

      • Toro pazzo

        Ma l’ hai letto il link che ti ho lasciato? Oppure leggi solo quello che scrive petrini? Ma secondo te nei milioni di anni di evoluzione, non si è mai ricombinato il DNA di specie diverse? Anticipo la risposta del fiduciario: se succede per caso va bene…. Se lo fa l’ uomo no!

  • Toro pazzo

    Ehi fiduciario…. Mi spieghi come fai a mettere i geni degli erbicidi nel mais visto che gli erbicidi essendo sostanze chimiche non hanno DNA?

  • Toro pazzo

    Credo che il fiduciario stia aspettando la risposta alla mia domanda precedente da petrini!