39 Commenti

Violini dal Comune a New York, quale ritorno per Cremona?

Lettera scritta da Caterina Ruggeri (Pd)

Caro Sindaco Oreste Perri,
spenti i riflettori su Mondomusica NewYork mi permetto di farle alcune domande.
Collego questo mio intervento al dibattito in atto sui tagli alla cultura e in generale sulle gravi difficoltà nel far quadrare il bilancio del Comune di Cremona (scure sulle periferie, tagli ai servizi, lavori pubblici in sospeso, paventato aumento di alcune tariffe, ecc. ecc.).
Nei giorni scorsi ho letto sul giornale locale (e solo su quello, anche se ho cercato invano richiami su altre pagine nazionali, ma senza esito. Vedremo, se ci sarà, la rassegna stampa dei  media newyorkesi) articoli a tutta pagina riportanti con particolare risalto l’evento di MONDOMUSICA NEW YORK e le dichiarazioni soddisfatte del Presidente dell’Ente Fiera, Antonio Piva.
Quello che mi ha sorpreso è stata l’assenza totale di un certo risalto dovuto alla presenza a New York dei prestigiosi violini della collezione del nostro Comune. Così come neppure un cenno ai costi sostenuti dall’Amministrazione comunale (pari a 25.000 €). per accompagnare MONDOMUSICA a New York.
Trovo che questo impegno del Comune meritasse attenzione e un minimo di ritorno di immagine. Di questi tempi 25.000 € non sono proprio noccioline e vista gli accorati richiami dell’Assessore Nolli con i quali  invita tutti i settori  a tagliare le spese, sarebbe il caso di dare qualche spiegazione rispetto al silenzio che ha accompagnato l’investimento del Comune.
Per questo, caro Sindaco, mi vengono naturali alcune domande:
•    di questi tempi, era proprio necessario?
•    quale ritorno di immagine  ha avuto la città e il suo turismo, vista l’assenza di richiami sui media nazionali (giornali e tv)?
•    ma quando si è invitati, come pare sia stato questo caso, le spese di  trasporto e assicurazione, pari a 20.000 €, non dovrebbero essere a carico dell’ospite, cioè degli organizzatori newyorkesi?
Se così non è, qualcosa deve essere chiarito ai cittadini per poter dare un senso all’investimento  del Comune.

Caterina Ruggeri
Consigliere Comunale PD

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Pasquino

    Chiariscano anche se è vero che la presenza di 2600 persone ( compratori li hanno definiti )in tre giorni ( media 800 al giorni) in una città come New York è davvero un successo
    Chiariscano anche se ritengono di rifare la manifestazione il prossimo anno e se sì quanti americani in meno verranno a Cremona ?
    Chiariscano infine quel milione di dollari per contratti in tre anni che dicono di aver ottenuto a chi andranno Se li dividono sui 65 liutai il calcolo a testa è di 5 mila euro o poco più ad ognuno all’anno ma quanto pagano gli strumenti allora così poco ?
    Ultimo chiarimento i violini regalati erano cinesi o cremonesi e questa forse è la domanda più interessante

    • l’ultimo samurai

      Dal suono semblava che i violini pallasselo mandalino.
      I complatoli veli elano in Cina a complale i violini di Clemona visti a new yolk

      • Primo Pistoni-Liutaio

        Questa è la più bella ! CHAPEAU !

      • FIRESTARTER

        Penso che la concorrenza del made in cina sia presente in ogni settore, credo anche che sia utile partecipare a queste manifestazioni per dimostrare in tutto il mondo il valore della liuteria cremonese, certo è che se la differenza sta solo nel prezzo e non nella qualità del prodotto allora uno valuta cosa acquistare. In oltre non tutti al mondo possono permettersi uno strumento made in cremona.
        Non capisco se quello che spaventa è la concorrenza o il confronto???

        • Il mandalino

          In un libero mercato, a parità di qualità, sceglie chi acquista ed è ovvio che il prezzo lo stabilisce chi vende ma in un mercato di concorrenza sleale questo criterio non può valere. Poichè la liuteria cremonese è affetta dal morbo della contraffazione è importante puntare sulla qualità come elemento distintivo, la sola variabile in grado di determinare il valore aggiunto dell’artigiano e di giustificare il valore monetario. Tocca alle associazioni di categoria e alle Amministrazioni pubbliche proteggere con vigore la buona liuteria ed esportarla nelle sue forme migliori, sostenendo la produzione conforme e legale. Non si tratta di timore di concorrenza, ma di giustizia, lealtà e riconoscimento del merito, distinguendo fra ciò che è vero e ciò che è falso.
          Mondomusica attuando le sue politiche di espansione rischia di bruciare un artigianato millenario, e per farlo ne usa pure i suoi stessi fondi. New York non è una beffa, è un suicidio collettivo. Si studi un po’ di economia che è meglio dei motori.

    • FIRESTARTER

      Matematica 1000000/65=15385 il 5000 o poco più da dove arriva?

      • Pasquino

        Grazie della precisazione matematica E’ vero che un milione diviso 65 fa 15 mila ma il contratto è su tre anni quindi 5 mila all’anno Esatto ?

        • il mandalino doc

          Pasquino ha dimostrato che lei è carente anche in matematica, magari lo è anche sui violini..allora si spiegano le sue teorie di mercato primitivo

          • FIRESTARTER72

            Mi scuso per il calcolo non avevo letto la riga sotto riguardo le sue teorie economiche forse è meglio che faccia l’artigiano e non l’economista-vedere teoria che il prezzo lo fa chi vende il prezzo lo fa il mercato ha presente domanda offerta??? Forse brucia un po’ il fatto che altre produzioni si stanno affacciando sul mercato, produzioni che diventano sempre migliori qualitativamente a prezzi contenuti In una economia globale bisogna esplorare tutti i mercati e questo penso fosse l’intento di mondomusica, se uno ha un prodotto di qualità non deve aver paura di questi mercati. Lei vuole forse dire che i liutai che hanno partecipato a NY non hanno prodotti di qualità? allora lo dica apertamente? Penso che sia un dovere della vs associazione di categoria se alle fiere vi sono dei falsi denunciarli alle autorità competenti.
            All’ultimo motor show sono state requisite delle vespe fatte in cina ma uguali alle originali, ma non è che la piaggio espone solo al motor show e non partecipa a fiere straniere.
            Mondomusica rischia di bruciare l’artigianato?? ma cosa dice?? Mondomusica è una fiera se è stata fatta a New York è perché probabilmente aveva delle richieste, per dimostrare la differenza tra il prodotto cremonese e quello cinese basta partecipare a queste fiere e dimostrarlo non stare chiusi nella propria bottega a pensare che se i violini ci sono e si vendono solo a cremona allora nessun altro li fara da altre parti… sveglia siamo nel 2013….non ai tempi di stradivari

  • Andy

    oggi sul giornale la provincia hanno già chiarito, loro che a New York sono andati, a noi provincialotti sprovveduti……
    in realtà sembra che mondomusica new york sia stato un fiasco clamoroso:
    pochissimi musicisti, pochissimi allievi ( le scuole di musica erano chiuse per St.Patrick..) ,qualche strumento è stato venduto a cifre bassissime (strumenti assemblati a cremona in modo poco chiaro) sugli altri strumenti regalati invece immagino che siano strumenti di fabbrica..

    • GianAndy

      Oltre che provincialotto sei anche superficialotto.
      La tua frase ” in realtà sembra” è già una contraddizione.
      O le cose le sai realmente o non le sai.
      Come fai a dire quanti strumenti e a che prezzo sono stati venduti?

      • Annamaria Menta

        Appunto, o le cose le sai o non le sai.
        Quando c’è di mezzo il consorzio spesso non le sai nemmeno se sei consorziato. E questo lo dicono anche i consorziati, almeno quelli che fanno (hanno fatto) domande e non ricevono (hanno ricevuto) risposte. Caro commentatore anonimo, che sei così profondo e informato, hai già dimenticato ‘il grande esodo’ dello scorso anno?
        Quanti strumenti e a che prezzo sono stati venduti, oltre al non trascurabile ‘dettaglio’ di ‘chi’ ha venduto (appena diplomato o nome già affermato? strumenti antichizzati o con vernice lucida e colore uniforme?), sono informazioni importanti e pure dovute, dal momento che questi sono andati all’estero “in rappresentanza” – secondo loro – della liuteria cremonese, anzi, della liuteria cremonese di qualità. Invece di continuare a ripetere all’infinito che “è stato un trionfo”, riferiscano dati documentati e, magari, corrispondenti a quelli che chiunque può trovare in rete. Cito solo il numero degli espositori: più di 200, come scrive il quotidiano, o 140 circa come risulta dall’elenco espositori sul sito ufficiale della manifestazione?
        Quanto poi all’andare di persona spendendo di tasca propria, caro anonimo commentatore, credi che siano tutti lì ad aspettare la manna dal cielo? Ti dice niente quello che diversi liutai hanno organizzato in centro città lo scorso settembre? Mai sentito parlare di mostre ed eventi vari che si sono succeduti all’estero dagli anni ’80 ad oggi? Credi che gli strumenti si facciano da soli in bottega mentre si è in giro per fiere (e a qualcuno, magicamente, succede…)? Chi è che parla a vanvera?
        Non c’è retorica, vera o falsa, c’è il fatto incontestabile che se chi organizza la fiera e chi possiede il quotidiano che ne parla, pure destinatario di fondi pubblici, è la stessa persona difficilmente l’evento organizzato verrà descritto come un insuccesso, nemmeno come successo perfezionabile, potrà essere solo “un trionfo”.

  • andy

    “in realtà sembra “:figura retorica che consiste nel sostituire espressioni crude e realistiche con altra, di tono attenuato.
    “Come fai a dire quanti strumenti e a che prezzo sono stati venduti?”
    Certo non leggendo il giornale La Provincia

    • GianAndy

      Basta con questa falsa retorica.
      Se vuoi sapere come stanno le cose investi qualche soldino, vai sul campo e guarda con i tuoi occhi non con quelli degli altri.
      Il tuo commento rimane sempre superficiale e ti ho già fatto un complimento. Ed infine non hai risposto alla mia domanda.

  • Toro pazzo

    Non mi intendo di violini ma so che se uno continua a dire o meglio a dirsi: “guarda come sono stato bravo” vuol dire che non sa fare un c….o e parla per nascondere le sue inadempienze e i suoi errori! Quelli veramente bravi se ne stanno zitti a raccogliere i frutti del loro talento!

    • Antonio

      Ottima osservazione la tua, qua ci sono persone che commentano argomenti lontani dall’interrogazione del Consigliere Caterina Ruggeri e che prendono a pretesto qualsiasi cosa per fare polemiche sterili, come sempre.
      Come dici tu:”Quelli veramente bravi se ne stanno zitti a raccogliere i frutti del loro talento!”

  • mario

    Egr. sig. sindaco
    Mi sembra che almeno dovrebbe sollecitare qualche alter ego e dare qualche spiegazione: salvo mie sviste, nulla di tutto questo.

    Dopo le strombazzate esaltazioni sulla carta sarebbe opportuno dire qualcosa ,o NO ?

    Qui le cose restano scritte per un bel po’: sarebbe bene che lei meditasse sul da farsi o NO ???!!!!

    Nella nutrita delegazione forse mancava qualche protagonista della vita cittadina, già reduce da clamorosi insuccessi di casta, ma dotato di notevoli successi di natura personale………..forse……. ma perché…………..!!???
    Chi lo sa…??

  • Mike 888

    Peccato che la chiarezza della fiera di Cremona non sia il loro forte ; 70 violini regalati che dovrebbero rappresentare il saper fare della liuteria cremonese e non si sa da dove provengono …………

  • FIRESTARTER72

    E per concludere ma che paura avete se i vs prodotti sono migliori.. E’ come se la ferrari avesse paura della tata.. cavolo voi siete la ferrari dei violini i vs strumenti devono essere qualitativamente migliori e quindi diretti a una clientela diversa rispetto a chi compra strumenti di altre provenienze

    • Il mandalino

      La domanda-offerta che determina il prezzo è roba da medioevo e si capisce che le sue nozioni di economia sono da casalinga!
      In quanto ai falsi o lei legge la stampa rosa o deve mettersi gli occhiali visto che tutta la stampa sta parlando da mesi della contraffazione. Risulta che un liutaio sia stato beccato alla dogana con le mani nella marmellata….
      Se lei sapesse qualcosa di marketing e di economia dovrebbe avere in mente la teoria seconda la quale in mercati di concorrenza globale vince la qualità, si restringe il segmento ma i profitti sono più alti. E questo che deve salvaguardare la liuteria cremonese. Vendere strumenti fatti con il metodo tradizionale che significa una produzione selezionata e non industriale. Se i violini sono troppi non possono essere d’autore, allora sono comprati altrove e marchiati, fatti da allievi o con legno scadente. Crede che Unesco abbia dato il suo patrocinio per questo saper fare liuteria?
      I primi a denunciare dovrebbe essere quelli che li mettono in Fiera e quelli che la organizzano nominare un liutaio serio che faccia le opportune verifiche, come dovrebbero essere fatte dalle Associazioni di categoria e dalla CCIAA.
      Gli americani hanno investito nella liuteria direttamente in Cina almeno questo lo sa o no?
      Quindi se si va a NY per fare concorrenza la si deve fare SULLA QUALITA’.
      Lei non ha nemmeno una laurea, continui a fare quello che fa ma non si metta a fare il Monti della situazione. Un po’ di pudore.

      • FIRESTARTER

        Aspetto i suoi riferimenti sulla ” teoria seconda la quale in mercati di concorrenza globale vince la qualità, si restringe il segmento ma i profitti sono più alti” o l’ha elaborata lei??
        http://web.tiscali.it/studioeliana/dispense/corso-economia-politica/teoria-domanda-offerta.html

        • il mandalino

          Economia, mktg e statistica li ho brillantemente studiati all’Università, non li ho scaricati da Internet. Sa cos’è un mercato saturo? La domanda e l’offerta nella logica della GDO? I violini sono beni di lusso che nella contrazione aumentano il valore. Ha sentito parlare del caso del maglificio di cashmere? Forse parlare con me le apre la mente e le fa scoprire sul web mondi sconosciuti.
          Non sia ridicolo, le lezioni private se le vuole si pagano!!!
          Lavori in Fiera che è meglio.

          • Andy

            non capisco perchè non abbiano affidato a lei lo studio sulla liuteria cremonese commissionato dalla camera di commercio, o forse è fin troppo chiaro…

          • Dire starter

            Brillantemente nel suo caso mi sembra una parola grossa!! Si faccia una suonata col suo mandolino che è meglio

          • Firestarter

            Comunque io non ho studiato economia e visto che lei è così preparato e convinto delle sue teorie rimanga a cremona chi la obbliga.. Ma non impedisca a persone con la mente più aperta della sua di andare in giro per il mondo a portare i loro prodotti.. Se i suoi prodotti sono così qualitativamente alti perché perde tempo a scrivere si goda la sua fama e ricchezza solo una domanda ma lei partecipa a qualche fiera

    • Primo Pistoni-Liutaio

      Lei che si trincera dietro un “accendino” e chiaramente è del settore , si vergogna a firmarsi con nome è cognome in questo “blog” ? Lei è un collega ,cosa ci vuole,eh?

      Guardi che quello che sta succedendo a Cremona è faida politica con vendette trasversali, la liuteria è un’altra cosa.
      Il costituendo Museo del Violino ha dato la stura a tutte le rivalità e invidie che covavano da anni, e che hanno al centro la liuteria.

      Anch’io mi sono lasciato coinvolgere in questo blog sebbene già dal settembre 2011 con le mia uscita da Confartigianato avessi promesso a me stesso di starne fuori.

      Ho sempre accusato le due associazioni Confartigianato e Cna di non essere state in grado di tutelate la liuteria cremonese, ma di essere asservite alla politica locale che è quanto di più patetico si possa trovare in un desolante panorama nazionale.

      Sono anni che tanti liutai cremonesi non prendono parte alle varie iniziative sia di Cremonafiere che altre,un pò perchè divisi in “clan” che qualche volta hanno avuto interessi comuni per fare qualcosa insieme, un pò perchè individualisti; ma tant’è.

      Vorrei ribadire che se adesso è una moda essere di “destra”, parlare di quote di mercato,essere convincenti ” per vendere”, fare damping commerciale per inculare il
      prossimo e il collega del laboratorio accanto, sarà di moda ma “il Puttanesimo” non è una religione praticata da tutti e men meno dal sottoscritto.

      Perciò lei vada avanti a pensarla come vuole ma la tanto auspicata unità della Liuteria sbandierata ai quattro venti dal quotidiano cartaceo locale e dai suoi accoliti penso sia una bella utopìa…teoria tra l’altro non proprio di destra,se non sbaglio.

  • Auguratore

    Auguri!
    …………………/´¯/)
    ……………….,/¯../
    ………………/…./
    …………/´¯/’…’/´¯¯`•¸
    ………/’/…/…./……./¨¯
    …….(‘(…´…´…. ¯~/’…’)
    …………………….’…/
    ………”…………. _.•´
    …………………….(
    …………………………

    • VAFFANCULO.org

      Web art ?

    • Toro pazzo

      Cattelan docet…….

  • Chssachilosa

    70 violini CINESI regalati. 1 se si regalano violini dovrebbero andare a nobili cause 2 quindi non cinesi o assemblati perché non sono utili al nome di Cremona 3 quindi comunque un’emerita cazzata fatta passare per un grande evento

    • Primo Pistoni-Liutaio

      Da quelli lì che girano il mondo coi violini, siano essi “Padroni” che i loro lacchè ,c’è da aspettarsi qualsiasi cazzata pur di dimostrare che “valgono” che sono ” ecceellenze “, non sanno più cosa fare….
      Auguroni anche allo stronzo qua sotto, mettitelo dove dico io quel dito se non ci balla dentro!

  • Antonio

    Egregio maestro,se il dito sta sotto il tuo commento è come se ti ci sedessi sopra, sarà un caso…mah?

    • Primo Pistoni-Liutaio

      Egregio …? Cosa vuole dire… ?

  • mario

    DOMANDA BANALE: ma quante bollette poteveno essere pagate con 5o milioni delle lirette……………….??
    chiedetelo a quelli che NON arrivano alla fine del mese………!!
    Forse nella cascina urbana non ci sono questi problemi..ma neppure per i fattori ( de tecc e de bac ) …………….!!!

  • Alessandro

    Ricordiamo tutti gli inutili convegni sulla sicurezza della giunta precedente oppure la campagna “A Cremona vivo bene perché …” con centinaia di cartoline inutili distribuite ai cittadini….ebbene forse in quel caso le risorse pubbliche sono state buttate dalla finestra, questo è una certezza, mentre i 25.000 euro del Comune per NY può essere ….ma lo sapremo in futuro. Quindi prima di impartire lezioni agli altri si cominci a imparare dai limiti dell’assessorato alle periferie e alla sicurezza della giunta precedente.

    • mario

      allora fai tu una cosa……….proponi tu un modo per festeggiare la spaventosa serie di crimini, rapine, malversazioni, furti, imbrogli a domicilio e dillo anche al tuo amico inciucciatore : lui le soluzioni le ha sottomano….. con l’aiuto delle ronde padane………….!!!!

  • Alessandro Felli

    Ma questa è la stessa caterina Ruggeri che ricopriva la carica di assessore solo 4 anni fa.
    Ma cosa vogliono dire queste vetuste figure… ma non si rendono conto il perchè hanno perso le elezioni 4 anni fa.
    Perchè non lasciano spazio, tanto non possono essere più eletti no….
    A parte le famose deroghe….
    Con chi l’ha condivisa questa lettera la Signora Caterina…. Ma i membri della Commissione Cultura lo sapevano…
    A quanto ne so io no… Questa Signora si vuole sostituire anche a loro o al lavoro fatto dal suo partito; visto che si firma con tanto di titolo (Cons. Comunale) e di dicitura di partito.
    Ecco vede caro Bonali, come le dicevo pochi giorni fa, il suo partito è questo, lei può tranquillamente cercare di costruire, nelle sedi opportune, tutti i giusti presupposti per “una giusta proposta culturale”, ma è perfettamente inutile. Questa è un logico ed esplicito esempio.
    Alcuni Consiglieri possono uscire, altri no… anche perchè si rivolterebbero metà dei suoi colleghi consiglieri…
    Ci pensi bene…Le elezioni sono vicine, e per quanto ho visto io, il suo piccolo seguito nell’ambiente c’è… ci pensi; non leghi il suo giovane destino ad errori del passato che continuano a riproporsi.
    Alessandro Felli
    Gerre de’ Caprioli

    • mario

      Per le sue invettive è meglio si si rivolga a chi……… per anni ha condizionato il Pd con il “soccorso rosso” a perri e bruciature anticipate di nomi eccellenti delle vita di città:
      si chiama inadeguatezza……!!!!

      • Babilon

        PD o PDL poco importa… se il problema è farsi i propri interessi e non quelli della comunità per cui si dovrebbe LAVORARE… anche perchè poi i risultati li vedete facendo un semplice giro per negozi… chiusi.