14 Commenti

Governo Letta, Pizzetti: 'Nessun mal di pancia' Toninelli: 'No a ministri che hanno già fallito'

letta

‘Nessun mal di pancia’, commenta così Luciano Pizzetti, senatore del Pd, le consultazioni che il presidente del Consiglio incaricato Enrico Letta sta facendo per cercare di far nascere un nuovo governo d’intesa con il Pdl. ‘La situazione attuale è frutto dell’esito elettorale – attacca il senatore – Quando nessuno vince è inevitabile l’empasse. La nostra soluzione era lavorare per un governo con 5 Stelle e Scelta Civica, ma Grillo si è rifiutato, e a quel punto la maggioranza era impraticabile. Ora l’unica strada è il governo del cambiamento”. Sul caos interno al partito, Pizzetti attacca conduzione politica, metodo e impianto costitutivo. “Quello che è successo nel Pd per l’elezione del presidente della Repubblica – dice Pizzetti – non è solo una questione di etica e di morale. L’errore è stato fare le primarie per i parlamentari. Con il sistema che abbiamo, la fiducia al governo e l’elezione non diretta del Presidente della Repubblica, o fai le primarie per il premier o fai quelle per i parlamentari. Le due cose, altrimenti, non c’entrano nulla le une con le altre e poi succede che qualcuno non sostiene le scelte del leader come è successo per i nomi di Marini e di Prodi’. Il riferimento a Cremona è presto fatto. ‘Perché i cremonesi dovevano scegliere per me o per Magnoli per esempio? – dice Pizzetti – Che correlazione c’era tra le primarie Renzi/Bersani e le nostre? Il leader che viene scelto deve potersi trovare un parlamento che lo sostiene”.
E sull’alleanza con il Pdl? “Mi dicono che non rispettiamo gli impegni elettorali – chiude – Ma perché, era negli impegni elettorali accordarsi con i 5 Stelle? Ora il Pd può essere uno dei soggetti protagonisti della terza repubblica. Se il governo Letta non combinerà alcunché saremo defunti, se no otterremo consensi. E’ l’ancora di salvezza non solo per il Partito Democratico, ma per il paese”.
Danilo Toninelli, parlamentare grillino, non ha dubbi: “Abbiamo già detto e lo ribadisco che non daremo fiducia al governo Letta. Faremo un’opposizione costruttiva, non di preconcetto. Certo, il timore che questo governo non faccia le riforme, ma tuteli il bipolarismo c’è. A questo proposito, mi auguro che non ripropongano come ministri persone che già hanno fallito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • enrico pighi

    magari lui di mal di pancia non ne ha, ma noi purtroppo ne abbiamo !!! eccome se ne abbiamo

    • son d accordo!i mal di pancia li hanno i cassaintegrati,i disoccupati,gli esodati della signora fornero,chi nn arriva alla fine del mese o chi nn prende lo stipendio!altro che sti signori!!alla fine nn è cambiato nulla ed i loro bei stipendi e privilegi li hanno ancora..hanno solo da vergognarsi che dopo 2 mesi dalle votazioni nn ci sia ancora un governo perchè devono spartirsi ogni cosa!VERGOGNATEVI!

      • LETTA

        Che qualunquismo e populismo del ca…

  • Marco Alquati

    I grillini opposizione responsabile? CERTO, a dire NO a qualsiasi cosa sono bravissimi. Guadagnano una fraccata di soldi senza fare una beata ….

  • Sandra

    Ore diciassette : il governo c’e. Ci sono Alfano vicepremier e ministro degli interni, la Bonino agli esteri , Saccomanni all’ economia , Franceschini, i giovani turchi ,molte donne e volti nuovi. Chi ha mal di pancia provveda di conseguenza. Per la maggioranza degli italiani il governo invece e’ fatto e va bene cosi’. I parlamentari che riterranno di non votare la fiducia traggano le conseguenze politiche , magari dimettendosi e tornando al loro lavoro abituale ( se ce l’hanno ).I parlamentari che voteranno la fiducia facciano invece la cortesia di occuparsi dei problemi e degli interessi del Paese e non delle beghe dei loro partiti. Inclusi i parlamentari cremonesi. Grazie.

    • enrico pighi

      il governo c’è e ,onestamente ,poteva andare peggio viste le premesse. detto questo sui mal di pancia di chi è di sinistra da sempre non credo ci sia da discutere

    • Said

      Finalmente un ministro di colore!! Cécile Kyenge che dichiara: chi è nato in Italia è cittadino Italiano.

      • Cttadino

        Tutte le donne gravide del Nord Africa pronte ad imbarcarsi per venire a patorire nel nostro paese.Dopo 5 minuti di navigazione, lanceranno un disperato SOS,al quale la Boldrini risponderà immediatamente lanciando la Marina Militare e l’Aviazione alla riceca.
        Abilisima mossa di Letta, che spera di rimpiazzare la fuga di voti dei delusi del PD.

        IL GIORNO NERO DELLA REPUBBLICA.

        • Said

          E’ il prezzo pagato dal PDL per avere Alfano Ministro dell’Interno. E’ o non è il Governo delle larghe intese!

    • bungatore

      per ora alcuni sono impegnati nel “soccorso rosso”………….!!!

      • Nerone

        Basta vedere i sottosegretari del PDL del governo Letta e Cècile Kyenge diventa un gigante.

    • bungatore

      In realtà i mal di pancia ci sono sia a livello nazionale che a livello locale.
      I nostri parlamentari farebbero bene a comportarsi come la Lega fece a suo tempo:
      perché non vanno in piazza a raccogliere firme contro il degrado della sicurezza,che sta assumendo valori impressionanti e mai visti prima.

      Anche questo sarebbe un segnale di avvicinamento al disagio della gente.

      Attaccare l’istituto delle primarie è solo sintomo di disagio e inadeguatezza…!!

  • sandra

    Tanto per dare un segnale concreto mentre il Governo sta giurando attentato a Palazzo Chigi con due carabinieri feriti. Oltre alla solidarieta’ di rito vogliamo capire il dramma che il Paese sta vivendo e fare di tutto per evitare di alimentarlo o chi conntinua a versare benzina sul fuoco ha interessi che non coincidono con quelli del Paese civile e democratico ?

  • bungatore

    DA:
    LE OPERETTE MORALI : G.LEOPARDI

    – DIALOGO DI FEDERICO RUYSCH E DELLE SUE MUMMIE

    Ruysch.
    Non mi maraviglio più che andiate cantando e parlando, se non vi accorgeste di morire.
    Cosi colui, del colpo non accorto,
    Andava combattendo, ed era morto,
    dice un poeta italiano.