Commenta

La carovana antimafie a Cremona contro il gioco d'azzardo Previsto incontro con barista che ha spento le macchinette

antimafie

Una Carovana Antimafie incentrata sul tema del gioco d’azzardo. E’ questa la novità dell’edizione cremonese 2013. La Carovana, partita il 30 marzo da Tunisi e il 2 aprile da Trapani, farà tappa a Cremona l’11 maggio, secondo il calendario pubblicato sul sito www.carovanaantimafie.eu. L’iniziativa, che mira alla formazione civile contro le mafie attraverso un viaggio a tappe lungo tutta la penisola, si propone di portare solidarietà a coloro che in prima fila operano per la legalità democratica e la giustizia sociale, per dare opportunità di crescita sociale, per sensibilizzare le persone affinché tengano alta la tensione antimafia, per promuovere impegno sociale e progetti concreti. Così, ecco che il filo rosso della Carovana 2013 diventa la lotta al gioco d’azzardo. Dopo la mattinata a Crema, con la tappa dei furgoni in piazza, aperitivo con prodotti confiscati, distribuzione di adesivi ‘no slot’ e interviste ai passanti fatte da studenti, l’arrivo a Cremona. Previsto – da programma – l’incontro con la barista del Bar Giò di via Mantova che qualche mese fa ha deciso di spegnere le macchinette perché le riteneva “una scelta incoerente rispetto al resto della mia vita” e conferimento del diploma/adesivo. Successivamente, tappa dei furgoni in piazza nel centro città, con buffet e video interviste.
“In una società sempre più segnata da precarietà e incertezze – dicono gli organizzatori – il gioco d’azzardo di massa rappresenta un moltiplicatore dello stato di crisi e, al tempo stesso, trasforma un problema sociale e economico in un dilemma dal quale difficilmente si può uscire senza assumere una posizione chiara e decisa. Per questo serve una mobilitazione che abbia prima di tutto la forma di una presa di coscienza e sensibilizzi il territorio provinciale rispetto a un fenomeno drammaticamente in crescita”.
I dettagli dell’iniziativa verranno illustrati dal Comitato Territoriale ARCI Cremona e LIBERA – Coordinamento Provinciale di Cremona in una conferenza stampa che si terrà martedì 7 maggio alle 12 presso la Sala Eventi – SpazioComune, Piazza Stradivari 7.

La Carovana Antimafie nasce nel 1994 da un’idea dell’Arci Sicilia: dieci giorni di viaggio da Capaci a Licata, attraversando il territorio con un percorso a tappe che, dopo le stragi di Capaci e via D’Amelio, si proponeva di portare solidarietà a coloro che in prima fila operavano per garantire legalità, giustizia e opportunità di crescita sociale nel proprio territorio, di sensibilizzare le persone per tenere alta la tensione antimafia, di promuovere impegno sociale e progetti concreti.

Dal 1996 la Carovana, promossa anche da Libera e Avviso Pubblico, ha assunto un carattere nazionale e internazionale.

Il Comitato Territoriale ARCI Cremona in collaborazione con Libera – Coordinamento Provinciale Cremona, in occasione del passaggio della Carovana ha realizzato un programma di iniziative, con il contributo di tanti soggetti del territorio, considerando la Carovana uno strumento straordinario per sollecitare la partecipazione, animare il territorio e porre l’accento su questioni legate al tema della democrazia, della legalità, della lotta alle mafie.

La Carovana Antimafie 2013 è promossa a livello nazionale da ARCI, LIBERA, Avviso Pubblico, con CGIL, CISL, UIL e Ligue de l’Enseignement.

La Carovana Antimafie nel territorio provinciale è promossa da ARCI Comitato Territoriale di Cremona e da LIBERA – Coordinamento Provinciale Cremona a cui aderiscono:  ACLI Provinciali, ARCI Cremona, Associazione ADL Zavidovici, AICS, Associazione Idea Resistente, AUSER Insieme Università Popolare delle LiberEtà Scuola di Pace, CGIL – Camera Territoriale del Lavoro, CGIL – FILLEA, CGIL Scuola – FLC, Comitato Beni Comuni – Comitato Acqua Pubblica, Comitato Soci Coop Cremona, Comitato Soci Coop Crema, Coop.Soc. La Siembra, Coop.Soc. Nonsolonoi, CNA Cremona, Filiera Corta Solidale, IPSIA Crema, Legambiente Cremona, Legambiente Alto Cremasco, UISP Cremona. Le scuole: I.P.I.A. “F. Marazzi”, I.I.S. “J. Torriani”, I.T.C. “E. Beltrami”, I.I.S. “Stanga”, Liceo Artistico “B. Munari”, Liceo Scientifico “G. Aselli”, Liceo delle Scienze Umane “S. Anguissola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti