2 Commenti

Sul treno atti osceni e 17enne palpeggiata, arrestato 34enne

evid-carab-treno

Si è reso protagonista di una violenza sessuale ai danni di una minorenne e poi di atti osceni di fronte a giovani studenti, sul treno che da Cremona conduce a Piadena. M.T., classe 1979, residente a Martignana di Po e con una sfilza di precedenti reati sulla fedina penale, è stato arrestato a Piadena dai carabinieri della locale stazione e poi tradotto in carcere a Ca de’ Ferro. Tutto è accaduto nel pomeriggio di mercoledì.

Noto alle forze dell’ordine, al personaggio in questione sono state notificate anche due misure di prevenzione pendenti, un foglio di via ed un avviso orale, “provvedimenti – come spiega il capitano dei carabinieri di Casalmaggiore, Cristiano Spadano – finalizzati ad evitare che il pregiudicato avesse un certo tipo di frequentazioni o condotte illecite”. Cosa che, evidentemente, M.T. non ha rispettato visto il deplorevole spettacolo offerto su un treno particolarmente frequentato da studenti. Mercoledì pomeriggio, nello specifico, i tanti ragazzi in transito fra le carrozze hanno assistito tra le ore 16 e le 17 alle oscenità dell’uomo. Una 17enne è stata addirittura palpeggiata da M.T. che in seguito pare si sia anche masturbato di fronte ad altre giovani.

Dal capotreno è partita la segnalazione al 112 ed i carabinieri di Piadena sono intervenuti fermando l’uomo, portato poi in caserma dove i militari hanno raccolto anche le testimonianze dei giovani presenti sul treno. Non essendoci gli estremi per il processo per direttissima, il 34enne di Martignana di Po è stato tradotto in carcere a Cremona. Venerdì 8 novembre verrà interrogato dal giudice Letizia Platè. L’uomo è difeso dall’avvocato Paolo Brambilla, mentre la famiglia della 17enne si è rivolta all’avvocato Guido Priori.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Journey

    Mai che incontrino la gente giusta sti pezzi di merda.

    • Mario

      Aveva ragione mio padre. Per certa gente non serve il processo, ma un manganello e qualche litro di olio di ricino. (detto da uno che il fascismo lo ha combattuto)