Commenta

Treno cancellato per Pavia e mezz'ora di ritardo per Milano, inizia altra settimana-incubo

treno

Un treno cancellato e altri due in partenza questa mattina da Cremona per le destinazioni dei pendolari, in forte ritardo. Comincia così la settimana dei cremonesi in questo lunedì denso di nebbia. La linea che questa mattina soffre di più è quella per Codogno-Pavia: partenza con mezz’ora di ritardo per la corsa delle 7,05  (non arrivata a destinazione alle 9,15) e cancellazione per il treno  delle 8,21 per Codogno, per esigenze di circolazione. Il tutto, pare, a causa della necessità di sostituire il treno inizialmente previsto.

Il treno 2650 per Milano, in partenza da Cremona alle 7,33 è partito da Mantova con mezz’ora di ritardo: sarebbe dovuto arrivare a Centrale alle 08:40, è giunto invece dopo le 9.

Non stanno meglio le linee verso e da l’Emilia Romagna: sabato il sindaco di Busseto Giovanna Gambazza ha incontrato le famiglie degli studenti pendolari oltre a diversi lavoratori. Il prezzo medio di un abbonamento annuo è di 400 euro e i continui ritardi e disservizi, uniti alla necessità molto spesso di utilizzare la macchina causa ritardi dei mezzi pubblici, sta portando le famiglie a iniziative di forza, compresi  esposti alla Procura della repubblica, citando le Ferrovie sia per interruzione di pubblico servizio che per abbandono di minori. Trenitalia avrebbe girato le responsabilità a Trenord, per il materiale rotabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti