Commenta

Botti di Capodanno: i consigli dell'Associazione zoofili cremonesi

botti-capodanno-evid

Se per tutti quella di Capodanno è una notte all’insegna dell’allegria e del divertimento, per molti animali rischia di diventare un vero e proprio incubo. Tantissimi sono infatti gli animali da affezione che, a causa di botti, finiscono per perdersi o addirittura morire. A questo proposito la Associazione zoofili cremonesi – che gestisce il canile di Cremona – raccomanda ai cittadini di avere la massima cura dei propri amici a quattro zampe. “Il consiglio principale è quello di tenere i propri animali, e soprattutto i cani, chiusi in una stanza, preferibilmente il garage: il rumore infatti li potrebbe spaventare al punto da indurli a fuggire, se lasciati in giardino. Inoltre il rischio è che perdano l’orientamento, non ritrovando più la strada di casa”.
Sono decine, infatti, ogni anno, i casi di animali che vengono smarriti. “Il primo dell’anno veniamo sempre tempestati di telefonate da parte di persone che hanno perso il cane. A questo proposito consigliamo a chi ha smarrito il cane di recarsi subito al canile per chiedere informazioni ma soprattutto per lasciare i propri dati e la descrizione dell’animale. A coloro a cui, invece, capita di ritrovare un cane che si è smarrito, raccomandiamo di chiuderlo da qualche parte e di contattare subito la nostra associazione oppure i vigili urbani, che attraverso il microchip possono rintracciare velocemente il proprietario”.
Tra le altre raccomandazioni per la notte di San Silvestro si ricorda di evitare di legare il cane: per la paura e la voglia di scappare potrebbe infatti soffocare. Meglio tenerlo al guinzaglio se lo si porta a passeggio. Per chi invece tiene i propri animali in casa, il consiglio è di fare attenzione a chiudere le finestre, abbassare le tapparelle e magari accendere radio o televisione per  attutire e coprire il rumore dei botti. Meglio ancora sarebbe tenere il cane o il gatto in una stanza lontana dai rumori esterni, con poca luce e con una cuccia o la possibilità di un rifugio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti