5 Commenti

Adottava gatti neri per poi mangiarli: Aidaa smaschera 50enne brianzolo

gatto_nero

Faceva passare tutti i gattili della Lombardia chiedendo di adottare dei gatti, tutti rigorosamente neri. Solo che poi li uccideva e li mangiava. La denuncia arriva dai volontari dell’Aidaa, che in queste ore stanno presentando una denuncia per maltrattamento e uccisione di animale alla Procura nei confronti del professionista 54enne brianzolo. L’uomo avrebbe falcidiato una quindicina di felini in due anni, prendendoli dai gattili di tutta la bassa Lombardia. La sua attività, secondo quanto raccontano i volontari dell’associazione, sembra essere partita proprio dal territorio cremonese, e in particolare con gatti adottati in due rifugi a cui fa riferimento la provincia di Cremona.

I sospetti erano nati già da tempo, a causa dell’abitudine  dell’uomo di eludere puntualmente i controlli da parte dei volontari dei gattili, che come di consueto seguono la prassi di andare a verificare che gli animali adottati si trovino a proprio agio e che vengano trattati bene.  In un primo momento il dubbio era stato quello di trovarsi alle prese con un satanista, vista la predilezione per i gatti neri. Così i volontari dell’associazione avevano fatto in modo di tenere sotto controllo il soggetto per un certo periodo di tempo, fino a coglierlo proprio pochi giorni fa con “le mani nel sacco” mentre, nel proprio garage, stava per dare una martellata in testa a un gatto di oltre sette chili per ucciderlo. A quanto pare dopo aver adottato i felini li metteva “all’ingrasso”, per poi usarli “a scopo culinario”. Di fronte all’evidenza l’uomo è stato costretto a confessare il suo macabro “hobby”.

«Secondo le prime segnalazioni – ha spiegato Lorenzo Croce presidente nazionale dell’Associazione italiana difesa animali e ambiente – questo personaggio si aggirava nei rifugi della bassa Lombardia chiedendo di adottare i gatti neri ma con precise caratteristiche. I gatti dovevano essere di circa tre anni e abbastanza in carne. Dopo diverse segnalazioni provenienti da diversi gattili abbiamo iniziato a sospettare che questo essere fosse un tramite di qualche gruppo satanista, invece abbiamo scoperto anche per sua ammissione che i gatti neri lui li uccideva per mangiarseli in compagnia di amici».
Come spiega Aidaa, non si tratta di un fenomeno isolato: ogni anno circa 7mila felini vengono uccisi per essere mangiati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • amelia

    Che grandissima testa di c…o!! Spero che adesso i gatti gli vadano tutti e quindici di traverso!!

  • invece di spendere soldi per un processo,che poi va in un nulla di fatto come sempre,perchè nn dagli una martellata in testa e metterlo in un pentolone come faceva coi gatti?

    • amelia

      Perchè citando un detto cremonese, un tipo del genere ” l’è boon gnan cùt “

  • Rosso

    sarà vicentino…

  • Filippo

    Due anni fa, mi è sparita la mia gatta nera… a l’idea che questo tizio possa averle fatto quella brutta fine, mi viene male e avrei una grand voglia di riempirlo di calci nelle p…