Commenta

Giornata Memoria Torna targa-simboloalla scuola Anna Frank

evidenza-anna-frank

Oggi, 27 gennaio, Giornata della memoria, la scuola media inferiore Anna Frank di via Novati è stata ridedicata alla ragazza ebrea divenuta simbolo della follia della Shoah. Una cerimonia introdotta da Renato Suppini,  dirigente reggente dell’istituto comprensivo, di cui fa parte il plesso di via Novati e che in questo anno scolastico ha riacquistato la sua autonomia dalla media Virgilio a cui era stata accorpata come sede distaccata nel 2000. Per motivi burocratico – amministrativi la targa in marmo all’ingresso della scuola era stata tolta e da oggi è invece ricomparsa. Un segno di ritrovata identità, pur all’interno dell’istituto comprensivo Quarto, con sede principale alla scuola primaria Mazzolari.

Quello di stamattina è stato un momento significativo del ricordo del periodo più buio della storia del Novecento, quello del sacrificio di milioni di ebrei e di tante altre minoranze sgradite ai regimi nazi-fascisti. Gli studenti delle classi terze si sono esibiti in un programma di musica e recitazione: ha iniziato Alessandro Civa (classe prima), con l’esecuzione al pianoforte della danza Ungherese, quindi sono stati recitati brani e poesie intervallati da frammenti musicali con i gruppi dei flauti. Sonia Benelli (classe prima) ha cantato “Auschwitz” di Francesco Guccini, quindi l’ensemble ha eseguito  parte della celebre colonna sonora del film “La vita è bella”. Coordinamento musicale a cura della professoressa Laura Cossu.

La scuola Anna Frank data al 1979, all’epoca del sindaco Emilio Zanoni. Fu la quarta scuola media cittadina, dopo la Virgilio, la Campi, la Vida, in un’epoca di forte espansione demografica del quartiere Giuseppina. Come  ha ricordato Suppini, fu inconsueta la dedicazione ad un personaggio della storia recentissima, segno della volontà di mantenere vivo il ricordo di quei fatti. Solo vent’anni più tardi  lo Stato italiano istituì  formalmente una Giornata celebrativa.

Nel suo intervento l’assessore Jane Alquati, il cui operato  è stato molto elogiato dalla dirigenza, ha ricordato gli altri eventi organizzati in città per la celebrazione della giornata in cui le forze alleate entrarono nel campo di concentrazione di Auschwitz, a cominciare dalla mostra in San Vitale delle fotografie realizzate da Francesco Pinzi in dieci anni di “viaggi della Memoria” con le scuole. La presenza dell’assessore è stata anche l’occasione per il dirigente di ricordare l’urgenza di una manutenzione completa dell’edificio scolastico (infiltrazioni, tinteggiature, ecc.).

LE ALTRE INIZIATIVE DLE COMUNE PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA – Martedì 28 gennaio alle 9.00  si terrà lo spettacolo “Meminisse” di Danio Belloni, con Compagnia SpazioMythos  (Federico Benna, Giada Generali, Elisa Zanolla, Enrico Tomasoni) e con il gruppo musicale Volks Populi (Giordano Calvi tromba, Maurizio Corda chitarre, Claudio Cosi basso, Antonio Mignatta percussioni). Regia di Danio Belloni. Tra musica e teatro di narrazione si sviluppa questo progetto nato da due realtà apparentemente diverse, Il Gruppo musicale Volks Populi e la compagnia teatrale Spazio Mythos. Lo spettacolo si concentra sulle barbarie dell’uomo verso l’uomo. Le stragi della storia contemporanea; Shoah, Foibe, Bosnia, Corea, Africa. Attraverso i suoni e le parole gli spettatori viaggeranno attraverso la crudeltà gratuita dell’uomo. Lo spettacolo si rivolge alle scuole secondarie di secondo grado.

Venerdì 7 febbraio alle 9.00 “Lacrime di memoria – Storie per parlare della Shoah ai bambini”, di e con Elisa Zanolla e Giada Generali – regia di Danio Belloni – produzione: compagnia teatrale “L’altra luna”, spettacolo che si cimenta nel dedicato compito di raccontare ai più piccoli la follia dell’Olocausto. E’ un viaggio tra varie storie, tra varie sensazioni, tra vari sentimenti: un viaggio a volte poetico, a volte triste ma che anche strappa qualche sorriso, rivolto alle classi quarte e quinte delle scuole primarie e alla prima classe della secondaria di primo grado.

Gli spettacoli si terranno al Teatro Monteverdi in via Dante, il costo del biglietto è di 5,00 €,  è obbligatoria la prenotazione (info Federico Benna, tel 3398487373).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti