Commenta

Ztl: 677 i distratti con permesso scaduto Multe per 33.700 euro

varco-evid

Sono quasi 700 gli automobilisti titolari di permessi in deroga al passaggio nelle ztl, che per dimenticanza o causa di forza maggiore transitano con il permesso scaduto. E spesso se ne accorgono troppo tardi, quando i passaggi si sono moltiplicati e i varchi elettronici hanno già immortalato le targhe.  Nel solo 2013, 677 tra privati cittadini e aziende, sono incappati nelle conseguenze della loro distrazione e hanno ricevuto le relative notifiche di sanzioni da parte della Polizia Municipale. Il “volume” economico è consistente. 33.600 euro, comprese le spese procedurali di notifica, di cui 26.300 sono già stati introitati dal Comune. In questo modo sono state 2369 le sanzioni archiviate, in regime di autotutela da parte della polizia Municipale (seguirà la verifica dei requisiti). Anche per questo motivo, e per evitare disparità di trattamento tra chi ha già saldato il proprio e debito e chi ancora non l’ha fatto, il Comune non potrà disporre alcune moratoria sulle sanzioni pregresse e non ancora saldate, come invece aveva chiesto la consigliera Democratica Caterina Ruggeri in una interrogazione a risposta scritta. In essa si chiedeva anche che il Comune desse corso alla promesse di agevolazioni a favore dei titolari dei permessi di transito e sosta in deroga alla ztl, chiedendo che AemCom avvisasse tramite sms o posta elettronica i titolari della imminente scadenza. “Viene fatto per molti altri servizi comunali – aveva chiesto Ruggeri – è ora che la gestione dei permessi venga completamente informatizzata”. A questo il Comune ha risposto che “le ditte LineaCom e Kapsch -Busy stanno approntando modifiche al software in modo da consentire la segnalazione in automatico di passaggi multipli in area ztl controllata da varchi elettronici, di una stessa targa non autorizzata. In modo da intervenire tempestivamente contattando direttamente l’interessato per ricordargli di rinnovare il permesso. La modifica sarà presto operativa”.

“Molto è già stato fatto su questo fronte”, puntualizza l’assessore a Traffico e Mobilità, Francesco Zanibelli. Era ovvio che avessimo pensato per tempo a sollecitare il gestore a provvedere, senza bisogno che ci pensasse la consigliera Ruggeri.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti