Commenta

Inseguimento nella notte e caccia alla droga, finanza e pompieri mobilitati per ore

droga-evi

Guardia di finanza impegnata per ore, ieri sera, in un’operazione antidroga nelle vie Massarotti, Milano e Sesto. Un’operazione che ha anche richiesto l’intervento di un mezzo dei vigili del fuoco che per quasi due ore ha illuminato con le sue luci il il cavo Baraccona che costeggia via Sesto. Nella zona, i pompieri e i militari della finanza erano intenti a cercare droga (si parla di un chilogrammo di stupefacente) che sembra sia stata gettata da un’auto in corsa, oppure da qualcuno che sia stato fatto scendere dalla macchina per disfarsi del grosso quantitativo. Alle ricerche, che dalle 23 si sono estese per tutta la via Massarotti e per via Sesto, soprattutto nella zona vicino al corso d’acqua, hanno assistito anche passanti e automobilisti (alcuni hanno accostato il mezzo per aspettare la conclusione delle operazioni). Le informazioni su quanto accaduto sono ancora molto frammentarie, ma sembra che in serata i finanzieri, durante alcuni controlli, abbiano imposto l’alt ad un’auto sospetta con dei giovani a bordo. Il conducente, però, non si sarebbe fermato all’alt delle fiamme gialle, proseguendo la sua corsa. Dunque ne sarebbe nato un inseguimento ad alta velocità durante il quale qualcuno avrebbe deciso di disfarsi della busta contenente la droga, gettandola via. Lo stupefacente è stato cercato nelle immediate vicinanze del fiume e per trovarlo sono stati mobilitati anche i vigili del fuoco. Le ricerche si sono estese quasi fino alle due di notte, purtroppo senza esito. Si pensa che la droga sia finita nelle acque del corso d’acqua. Sembra, però, che almeno uno dei giovani che viaggiavano sulla macchina sospetta sia stato fermato e condotto al comando di via Zara. Avrebbe confermato ai militari della finanza la presenza sull’auto dello stupefacente. Eventuali provvedimenti nei confronti della persona fermata e altri particolari sono attesi nel corso delle prossime ore con gli sviluppi dell’indagine.

Sara Pizzorni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti