5 Commenti

Violenta rissa in centro, uomo ferito: infilzato con un cacciavite

aggressione-evids

AGGIORNAMENTO – Violento litigio in pieno centro storico. Un uomo sembra sia stato colpito con un fendente da una persona che impugnava un cacciavite. Tutto è accaduto in tarda mattinata, attorno a 12.30. Due uomini, stranieri, uno dei quali come detto armato di cacciavite e l’altro ferito a un braccio, sono stati visti litigare prima nell’area di piazza Lodi e poi in corso Mazzini, nei pressi del bar Tubino, mentre altri tre uomini, anche loro stranieri, cercavano di dividerli.

“Li ho visti arrivare da via San Tomaso – racconta la barista del bar Tubino, che ha assistito sconvolta alla scena -. Quando sono arrivati di fronte al mio bar uno degli uomini era già ferito e sanguinava, mentre un secondo impugnava il cacciavite. Hanno continuato a picchiarsi sbattendo anche contro il vetro del bar. Ho avuto paura, ho allertato subito il 113”. Nel frattempo sul posto è arrivata una ragazza, come testimonia sempre la barista del Tubino, che avrebbe detto all’uomo armato di cacciavite: “Presto, vieni, scappiamo che hanno chiamato la polizia”.

Il gruppo si è quindi dato alla fuga (in direzioni diverse). L’uomo ferito (che pare aver perso molto sangue a giudicare dalle macchie presenti per terra nella zona di corso Mazzini-piazza Lodi) è stato avvistato da una pattuglia della polizia municipale che passava di lì in quel momento. Alla richiesta di fermarsi, in quanto ferito e quindi bisognoso di cure, l’uomo è però scappato a tutta velocità, finché non è stato bloccato dai vigili in via Aselli. Nel frattempo sul posto sono giunte forze dell’ordine, ambulanza e auto medica (le condizioni del ferito si sono rivelate non gravi). Della vicenda si sta ora occupando la questura, impegnata a ricostruire l’accaduto.

Il ferito, un tunisino, è stato sentito dalla polizia ma non ha fornito molti elementi e si è limitato a dire: “Sono caduto da solo”. In caso di lesioni fisiche non oltre i 20 giorni di prognosi (come in questo caso) è necessaria, per legge, la denuncia per poter procedere contro eventuali aggressori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Primo

    Altro che tolleranza e accoglienza. Rivendico il diritto nostro e dei nostri figli alla SICUREZZA!!

  • secondo

    fate nuova la vostra città e chiudete gli occhi e cominciate a sognare: che bella una città pienda di venditori abusivi rom e gente che campa alle spalle nostre.. Vestitevi di viola e pensate la città di sinistra come diventerà appunto sinistra… e poi tutti a manifestare con l’ARCI per accogliere ancora più persone… Fa nulla se i giardini del vecchio passeggio sono stati colonizzati, i rifondaioli puntano a fare colonizzare tutta la città…….

  • Giovanni

    Bisogna fare di più per la sicurezza della nostra città!

  • paolo

    Magari cercare il ferito in viale Trento e Trieste?

    • alex

      ……ah ah ah …..peccato che nessuno eei coinvolti rientri tra i domiciliati in viale Trento e trieste. ….