3 Commenti

Treni, Malvezzi scrive a Trenord e Regione: "Situazione insostenibile"

malvezzi-treni

“Questa situazione si ripete ormai quotidianamente e non è più sostenibile”: a intervenire sull’annosa questione degli ormai quotidiani disservizi e ritardi sulla linea ferroviaria Mantova-Cremona-Milano. Lo fa con una lettera, indirizzata all’amministratore delegato di Trenord, Luigi Legnani e all’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alberto Cavalli. “Episodi di questo tipo portano fino al raddoppio dei tempi di percorrenza della tratta, senza che ne siano comunicate le ragioni – scrive Malvezzi -. Tutto questo è intollerabile e non rispettoso della dignità dei pendolari”.

Il consigliere avanza quindi richieste ben precise:  “una puntuale relazione attraverso cui si esplicitino le ragioni dei continui disguidi e ritardi verificatisi sulla tratta Milano-Cremona-Mantova”; “i tempi certi di consegna del secondo treno Vivalto”; “un aggiornamento sullo stato di progettazione delle opere finalizzate al miglioramento della rete ferroviaria Milano-Cremona-Mantova”. Malvezzi chiede infine “la presentazione di un programma di interventi che contempli investimenti certi e obiettivi di qualità misurabili”, sollecitando che le risposte vengano fornite “con la massima urgenza, in una specifica seduta della Commissione consiliare V”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ezechiele Profeta

    ma cosa scrive malvezzi se sono quelli come lui che hanno (s)governato la regione da 25 anni? un bel po’ sono in galera, è vero. Gli assessori ai trasporti spesso. La Lega aveva addirittura messo come amministratore delegato di trenord uno che aveva mentito addirittura sulla laurea. non fare niente malvezzi, noi, le vostre soluzioni le subiamo

    • pinco pallino

      ma prima dove era………………?????????!!!!!!!!!!!!

  • Ezechiele Profeta

    Ahahah per 5 anni hanno fatto poco (sbagliando clamorosamente anche quel poco – si veda l’acqua in piazza Marconi) o nulla (si veda l’ex Supercinema puntellato tale e quale, l’area della stazione rifatta à metà come via Dante e il viale parallelo) adducendo problemi di soldi (Nolli alias Lilon – non è un’offesa, è l’anagramma preciso preciso). Poi adesso lavori giorno e notte. Speriamo che non si debbano rifare a breve e che le spese siano coperte dal Bilancio di Roberto Lilon Nolli… ho un brutto presentimento ^_^