2 Commenti

Zagni rinuncia al Consiglio comunale: "Voglio lasciare spazio a Fanti"

zagni-evid

AGGIORNAMENTO – Alessandro Zagni rinuncia al Consiglio comunale. Lo ha fatto sapere nella tarda mattinata di lunedì al direttivo della Lega, spiegando che non se la sente di proseguire nel percorso amministrativo e di voler quindi rinunciare all’incarico. “Ho voluto lasciare spazio ad Alessandro Fanti (che ora entrerà in Consiglio insieme ad Alessandro Carpani, Ndr), che durante la campagna elettorale si è impegnato davvero tantissimo e che mi ha anche aiutato molto. Non ha mai avuto incarichi amministrativi, mentre io ho già fatto l’assessore. E’ giusto lasciare spazio ad una nuova generazione, sperando che porti avanti il rinnovamento del partito”.

In realtà da tempo questa svolta era nell’aria, soprattutto dopo il palese appoggio dato, durante il ballottaggio, a Oreste Perri: un atteggiamento che non era andato giù al direttivo cremonese, nonostante le indicazioni in questo senso giunta da Matteo Salvini. Tanto che appena dopo le elezioni la Lega gli aveva revocato la carica di vicesegretario cittadino, pur lasciandogli la delega agli enti locali. Insomma, la tensione era palpabile già da tempo all’interno del Carroccio, e anche i malumori tra l’ex candidato sindaco e il direttivo cittadino. Molto probabilmente il prossimo passo, per Zagni, sarà quello di abbandonare definitivamente il Carroccio, anche se per ora da parte sua l’intenzione dichiarata è di “Restare nel partito e lavorare per migliorarlo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    CE NE FAREMO UNA RAGIONE…………..!!!

  • Gianni

    Zagni non è più candidabile per nessun incarico pubblico in quanto la sua incapacità di gestire gli eventi e una personalità arrivista volta più al suo interesse che alle finalità del movimento leghista di Cremona, lo hanno portato a fare figure irrimediabili. Giusto che lavori dietro le quinte e spazio e chi ha più intrapredenza politica vera. Spero che la lega nord di cremona abbia il buon senso di non candidarlo se non per le liste dei consiglieri ccomunali.