Commenta

Anche a Cremona la protesta degli studenti del Collettivo

studentipiazzaroma-evid

E’ cominciato alla spicciolata anche a Cremona, come in decine di piazze italiane, lo sciopero degli studenti organizzato dall’Unione degli Studenti. Con l’hashtag #10, la protesta – che coincide con lo sciopero indetto dai docenti del Cobas – muove contro le manovre del Governo che “hanno reso sempre più precaria la condizione lavorativa e non solo, assisteremo all’applicazione della nuova riforma scolastica Renzi – Giannini. Questa promuoverà nuovi tagli e l’incremento del precariato, spingendo inoltre le scuole ad aumentare la loro “autonomia” costringendo le famiglie degli studenti ad affrontare spese e contributi scolastici sempre più elevati”. Una discesa in piazza, dunque, per “ribadire la nostra ferma opposizione all’ aziendalizzazione della scuola, ad un costo sempre più elevato della vita (biglietti, libri, contributi scolastici, ecc.), ad un sistema scolastico elitario, alla mancanza di spazi e momenti gestiti dagli studenti all’interno degli Istituti e a tutti quei meccanismi che ci vogliono sfruttati a scuola come al lavoro”.

A Cremona il gruppo degli studenti delle superiori è partito da via Palestro per raggiungere poi piazza Roma, dove un ridotto numero di ragazzi del collettivo studentesco ha aperto l’assemblea. Primo tema affrontato: il caro-trasporti, in particolare autobus,  che molti ragazzi da fuori città devono sobbarcarsi per raggiungere le scuole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti