Commenta

Hayes trascina la Vanoli alla vittoria contro Varese: 64-53 al PalaRadi

vanoli varese-evid

La Vanoli Cremona si è aggiudicata il match al Palaradi contro Varese per 64-53. Gli ospiti sono squadra ostica e molto difficile da affrontare per il gioco rude e fisico. L’imprevisto stop casalingo con Capo d’Orlando ha sicuramente insegnato parecchio a tutti i giocatori. L’Openjobmetis Varese, una delle squadre più blasonate della pallacanestro italiana era in serie negativa da cinque giornate. Giocando di squadra hanno aggredito sin dall’inizio gli ospiti che detengono il miglior attacco del campionato ma anche la peggiore difesa.

Nella prima frazione parte bene la Vanoli Cremona che con Hayes e Cusin allunga 8-3 e rimane saldamente in testa 14 a 5 al 6’ grazie ad una buona difesa con l’attacco ospite chiaramente in difficoltà. All’8’ un fallo antisportivo a Mian ridà coraggio a Varese che recupera con Diawara, Okoye. Campani fatica a trovare la posizione ed in difesa commette il terzo fallo. Clark e Bell non brillano e Deane sigla il  canestro del sorpasso 17-15 al 10’. I biancoblu ritrovano  la via del canestro dall’11’ con Mian ed una tripla di Ferguson 23-17. La difesa di Varese è più aggressiva, rende difficile il controllo del pallone in particolare Hayes e Vitali e costringe i cremonesi a sbagliare parecchi tiri sia dalla lunga che dalla breve distanza (11 su 31 al 20’).

Continua l’anemia di punti di Clark e Bell mentre le penetrazioni di Robinson e le triple di Callahan consentono a Varese di restare a contatto dei padroni di casa che al riposo conducono 35-33. La gara prosegue all’insegna dell’equilibri con le due contendenti che adottano un gioco duro, molto fisico e comunque faticano a trovare il canestro.

E’ il solo Hayes a tenere in piedi la Vanoli con 9 punti infilati Al 30’ il parziale è 49-48. Al 35’ il punteggio è in parità 53-53 ed ancora  Hayes porta avanti la Vanoli a  più sei  ad 1’30 dalla fine. Varese non va più a segno  e subisce cosi la sesta sconfitta consecutiva: ha cercato in tutti i modi di invertire la rotta ma le due assenze di Kangur, operato in settimana e del forte congolese Eyenga (ex Los Angeles Lakers e Cleveland)  si sono fatte sentire, oltre allo squalificato coach Pozzecco sostituito in panchina da Ducarello.  Per Cremona è una vittoria molto importante in primis ai fini della salvezza, l’obiettivo primario ed  al tempo stesso  per rimanere tra le prime posizioni della graduatoria.

Marco Ravara

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti