3 Commenti

Le Botteghe: 'Serve un esperto per fare rinascere il centro'

sbaracco2015-evid

Un consulente esterno che sia in grado di fornire le linee guida per far rinascere un centro storico moribondo. Dalle vetrine vuote e disadorne, all’utilizzo dei parcheggi.  E’ quanto hanno chiesto le Botteghe del Centro al Comune, dove, secondo il presidente dell’associazione, Paolo Mantovani “una figura del genere non esiste, né esiste all’interno delle associazioni. Per risollevare le sorti di Cremona serve che l’ente locale si affidi ad un esperto che affronti i problemi complessivi dell’attrattività cittadina”. Una necessità che esiste da lungo tempo, ma che è sempre attuale, alla luce del “20% di negozi sfitti, che non possono essere lasciati così, nell’abbandono e nel disordine più totale. Su questo fronte, ad esempio, serve un regolamento sul decoro urbano”. Ma serve anche qualcuno che possa indirizzare amministrazione e commercianti su quali iniziative mettere in campo, ad esempio come rinnovare  rassegne ormai stantie come i mercatini tematici domenicali (antiquariato, biologico, ecc.) affidati a soggetti esterni e che da anni stanno riscuotendo critiche su critiche, sia per l’offerta che per l’estetica. E che attirano al massimo l’attenzione dei cremonesi usciti dalla messa, non dei visitatori esterni.

“Giusto criticare i mercatini così come sono, ma è difficile attirare operatori che puntino sulla qualità – afferma Mantovani – in una città come Cremona dove il giro d’affari per queste manifestazioni itineranti è quello che è. Gli operatori di maggior livello prediligono altre piazze, se devono fare investimenti”. Proprio per svecchiare la formula inventata oltre dieci anni fa dall’assessore al commercio Luigi Baldani (giunta Bodini) il Comune ha invitato operatori e associazioni a proporre idee per rinnovare le iniziative domenicali del 2015 attraverso la formula “Le Quattro Stagioni di Cremona”, un bando per manifestazioni di interesse scaduto a metà febbraio. Tra gli input dell’amministrazione: proposte che siano attraenti per famiglie e bambini e che puntino sulle eccellenze culturali, sociali e commerciali cremonesi.

Vedremo cosa ne sortirà, ma senza una regia unica che regoli questo e gli altri aspetti collegati alla vivibilità cittadina, le iniziative domenicali serviranno a poco. “Il tavolo dei Duc sarebbe un ottimo punto di partenza – continua Mantovani – visto che riunisce tutti gli operatori del commercio e gli enti locali, ma finora non ha sviluppato le sue potenzialità. Per intenderci, non può venire utilizzato solo per proporre iniziative  come lo Sbaracco simili; così perdiamo tutti del tempo. Serve invece che qualcuno – e non può che essere un esperto – ci indichi la strada da seguire. A mio avviso, ripeto, questa figura non esiste nell’organigramma del Comune”. Mantovani  non è l’unico a ritenere una perdita di tempo le riunioni del Duc, e cita la recente mostra dei Lego al Museo del Violino tra le iniziative in grado di attrarre folle di visitatori da fuori, con beneficio per l’indotto.

Intanto proprio le Botteghe lanciano per il prossimo week end (7 e 8 marzo)  una nuova edizione dello ‘Sbaracco’, super svendita su suolo pubblico delle merci alla fine del periodo dei saldi. La formula è quella sperimentata con successo già negli anni passati e le zone interessate pure. L’associazione sta ancora attendendo una risposta dal Comune sulla possibilità di avere agevolazioni tariffarie sui parcheggi: la gratuità o almeno la prima ora gratis (ovviamente solo nei parcheggi gestiti da Aem).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    I primi massacratori della vivacità di Cremona sono i commercianti del centro.
    Loro hanno voluto togliere i filobus. Loro sono i paladini degli enormi buchi economici dei parcheggi (Massarotti e Piazza Marconi). BASTA.

  • Luca

    Non serve un esperto, servono MENO TASSE sui cittadini, sulle imprese e sulle attività commerciali!!!
    Meno tasse = più soldi da spendere
    Meno tasse = affitti più bassi
    Meno tasse = prezzi calmierati

    Non serve un esperto, un altro zozzone da pagare con sondi pubblici, serve solo che quei luridi politici che ci governano invece di buttare soldi in cagate, in fantomatici studi di esperti per una ciclabile cremona-cava fatta da una giunta e poi rifatta dall’altra, in un sistema di gestione degli organi pubblici troppo oneroso (ma questo è voluto cosi c’è spazio per intascarsi qualcosa!!!), in una differenziata che ha raddoppiato (e sono ancora ottimista) il costo sui cittadini!!!
    LURIDI, ABBASSATE LE TASSE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Sorcio Verde

    Mancano i soldi da spendere!Ci hanno massacrato di tasse locali e statali, che cosa vuoi che compri la gente?Abbiamo giá la persona giusta ,il sindaco,con i suoi tour in Russia, con le onde blu e centri sociali….ci pensa lui a salvare la città! !!!