Commenta

Amianto a scuola, anche la Provincia smentisce dati Asl

amianto-evid

I dati Asl emersi nei giorni scorsi relativamente alla presenza di amianto sulle coperture degli edifici scolastici, in particolare rispetto all’Itis di Cremona, non sono corretti ed aggiornati. A dirlo è l’amministrazione provinciale di Cremona, che evidenzia come “negli anni sono numerose le rimozioni di amianto effettuate non solo delle coperture, con anche in alcuni casi messa in opera di impianti fotovoltaici, ma anche del materiale friabile presente nelle coibentazioni degli anelli di riscaldamento interni di molte scuole costruite decenni or sono”.

In particolare gli interventi di bonifica dell’amianto effettuati nell’ultimo decennio riguardano numerose scuole. A Cremona: Ist. Magistrali “Anguissola”, Istituto “Einaudi” di Via Bissolati, Ist. “Ala Ponzone Cimino” sede di Via Gerolamo da Cremona, tutto il complesso scolastico di Via Palestro, Itis “Torriani”, Azienda Agricola “Abbadia” di Bettenesco.
A Crema: Itis “Galilei”, Ist. “Marazzi”, Ist. “Pacioli” di Via delle Grazie, una porzione del Liceo Classico e Scientifico di Via Stazione, la Scuola casearia di Pandino.
A Casalmaggiore il polo scolastico “Romani”.

Rimangono ad oggi ancora da bonificare le coperture dei Licei Classico e Scientifico di Crema (con esclusione della palestra già bonificata). Per tale lavoro esistono già i progetti esecutivi peraltro candidati all’ultimo bando regionale -, piccole porzioni residuali presenti nella zona officina dell’Ist. “Ala Ponzone Cimino” a Cremona, la pavimentazione di una porzione attualmente non utilizzata dell’Ist. “Einaudi” di Via Borghetto a Cremona ed alcune lastre protette dalla copertura in coppi del barchessale della Cascina Abbadia di Bettenesco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti