Commenta

Gazebo della Lega per stop centri sociali e abrogazione legge Merlin

Nella giornata di domani sabato 13 giugno, per tutto il giorno, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30 in piazza Roma angolo c.so Mazzini, si terrà un gazebo per la raccolta firme della Lega Nord cremonese per indire un referendum a favore dell’abrogazione della Legge Merlin sulla prostituzione nelle strade. Contemporaneamente, si svolgerà anche la raccolta firme per la chiusura dei centri sociali Kavarna e Dordoni.
“Gli ultimi arresti e fermi di gente legata a questi ambienti estremisti,  grazie al meticoloso lavoro di riconoscimento delle Forze dell’Ordine – osserva il segretario cittadino Alberto Mariaschi – impongono che il sindaco prenda una rapida decisione. La Lega è da sempre contraria a forme di estremismo ideologico che, per difendere le proprie false ragioni, impediscono con la violenza la libera espressione degli altri. Ci domandiamo allora – prosegue Mariaschi – cosa  stia aspettando il sindaco Galimberti a cacciare dagli spazi comunali occupati abusivamente i Centri sociali. Gli ricordiamo che sono trascorsi quasi cinque mesi dagli episodi di violenza urbana che hanno paralizzato e messo a ferro e fuoco mezza città e che le sue dichiarazioni («Mai più concessioni e convenzioni ai Centri sociali.. ») all’indomani di questi gravi fatti sono state solo false promesse per imbonire i cittadini cremonesi. Centri sociali ai quali è scaduto il contratto da parecchi mesi e occupano ancora uno spazio pubblico e proseguono nell’illegalità e nella strafottenza, sapendo di essere impuniti. E poi, come mai due centri sociali? Uno non era più che sufficiente?”
”Inoltre – conclude Mariaschi – depositeremo un’interrogazione nei prossimi giorni per sapere se il sindaco intende denunciare per violazione dell’articolo 659 del Codice penale (ordine e tranquillità pubblica) il CSA Kavana. Pertanto, il sindaco si dia una svegliata e passi dalle parole ai fatti: ha forse paura di scontentare l’anima estremista della sua Giunta?”.

Come noto il sindaco Galimberti ha fatto notificare  nelle scorse settimane l’avviso di mancato rinnovo degli affitti, già scaduti, per Kavarna e Dordoni. Un primo passo verso la procudura di sfratto che però non si sa quando e se sarà avviata dal Comune, proprietari di entrambe le sedi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti