3 Commenti

Immigrati: sono 41mila
nel nostro territorio ma lavorano
solo in 17.454. L'indagine Idos

Sono 41.448 in tutto il territorio provinciale, ossia 3,6% del totale regionale: questo il numero degli immigrati presenti in provincia di Cremona, come emerge da un dossier sull'immigrazione realizzato dal Centro studi e ricerche Idos.

di Laura Bosio

Sono 41.448 in tutto il territorio provinciale, ossia 3,6% del totale regionale: questo il numero degli immigrati presenti in provincia di Cremona, come emerge da un dossier sull’immigrazione realizzato dal Centro studi e ricerche Idos. Con un quartultimo posto a livello regionale, la nostra città dunque non è certo tra le preferite dagli stranieri. Gli immigrati nel cremonese sono pari all’11,5% del totale della popolazione residente, in linea con il dato regionale. In base ai dati Istat, gli stranieri iscritti nelle anagrafi lombarde al 31 dicembre 2014 sono complessivamente 1.152.320, pari al 23% del totale nazionale (5.014.437). La Lombardia si conferma quindi, al primo posto tra le regioni per numero di residenti stranieri (è anche la prima regione in Italia per popolazione residente totale). In linea con la media nazionale, tra il 2013 e il 2014 il loro numero è aumentato del 2%.

Sul versante occupazionale, sono stati 17.454 gli immigrati cremonesi che hanno lavorato almeno un giorno nel corso del 2014, con dati al di sotto della media regionale. In totale in Lombardia i lavoratori immigrati sono stati 670.902, il 18,9% del totale nazionale. Per quanto riguarda invece l’imprenditoria, nel 2014 Cremona ha registrato un incremento dell’1,4% rispetto all’anno precedente.

Le rimesse di denaro in patria sono invece calate, con Cremona che ha fatto registrare un primato negativo (-6,4%), seconda solo a Milano (-10,1%). Sono invece aumentati gli italiani residenti all’estero, sia in Italia che in Lombardia, così come nella nostra provincia. La Lombardia, al 31 dicembre 2014, risulta al quarto posto tra le regioni italiane (dopo Sicilia, Campania e Lazio) per numero di iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (Aire), con un totale di 396.672 unità (per il 47,7% donne). In particolare 13.164 iscrizioni riguardano il territorio cremonese, con un totale di nuove iscrizioni che è comunque inferiore alle mille unità. I visitatori esteri che si sono recati nel territorio sono stati invece 168mila.

LA PROVENIENZA

Analizzando le aree di provenienza, il continente più rappresentato è quello europeo con 438.415 residenti (il 38,0% del totale dei residenti stranieri), di questi il 49,6% è cittadino dell’Unione Europea, per la gran parte proveniente da paesi di recente adesione (la Romania da sola rappresenta infatti il 73,5% delle presenze comunitarie). A seguire troviamo il continente africano con 287.963 residenti (il 25,0% del totale regionale, provenienti in particolare dall’Africa settentrionale), quello asiatico con 278.452 residenti (il 24,2% del totale regionale, principalmente dall’Asia centro-meridionale e orientale), quindi quello americano con 147.029 residenti (il 12,8% del totale regionale, di cui il 98,2% proveniente dall’America Latina), infine l’Oceania con 378 persone. Considerando più nel dettaglio le singole comunità, quella più consistente rimane la romena, che da sola, con 159.626 residenti, pesa per il 13,9% sul totale dei residenti stranieri in regione. Seguono quella marocchina (104.942 residenti) e albanese (103.223) e a distanza quella egiziana (71.611), cinese (62.953), filippina (59.782), quindi, con valori simili, quella indiana (49.897), ucraina (49.826), e peruviana (48.381).

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Quindi gli stranieri non sono risorse, la maggior parte di questi qualcuno li potrebbe anche chiamare parassiti.

  • luciano

    Quando manca il lavoro bisogna chiudere le frontiere.

  • Ezechiele Profeta

    Sarebbe stato utile conoscere l’età di chi non lavora, giusto? la statistica usata male è uno strumento pericoloso.