Commenta

Luminarie, primo banco di prova
per le Botteghe del Centro

E’ operativo da lunedì scorso, 16 novembre, il direttivo delle Nuove Botteghe del Centro, presieduto da Eugenio Marchesi (vicepresidenti Marco Stanga, Francesca Galli e Pierluigi Bonardi), mentre si sta completando il passaggio di consegne con la precedente gestione Mantovani. Obiettivo principale in questa fase, è mettere ordine nell’anagrafica degli iscritti, uno dei motivi di frizione tra i due gruppi che si erano sfidati nell’ultimo rinnovo. Vengono inclusi anche tutti gli imprenditori che avevano risposto al modulo di adesione fatto circolare da Mantovani in vista delle elezioni, una scelta che ha consentito di ampliare la base associativa anche a numerosi non iscritti Confcommercio, l’associazione di categoria che vent’anni fa ha visto nascere le Botteghe. D’altra parte l’impostazione delle Botteghe sarà quella della trasversalità e della massima apertura anche agli iscritti di tutte le alte sigle, assicura Marco Stanga, uno degli artefici della vittoria della lista concorrente a Mantovani.

Primo banco di prova della nuova gestione è stato, questa mattina in Comune, il Tavolo dei Duc, l’organismo che vede la partecipazione di tutte le sigle del commercio e dell’artigianato per la messa in opera di eventi, animazioni, arredo urbano. Nella riunione, durata un’ora e mezzo, a cui erano presenti anche i rappresentanti della ditta prescelta per l’installazione delle luminarie (proposta da Confersercenti), si è discusso dell’organizzazione pratica e soprattutto della questione più spinosa, ossia la raccolta delle quote tra i commercianti, onere che si sono sempre accollate le ‘Botteghe’, come pure la rendicontazione amministrativa.  Sarà così anche quest’anno e a questo scopo, afferma Marco Stanga, “è in programma una riunione che si terrà in Camera di Commercio a breve, per dare modo ai commercianti di prendere visione del progetto di luminarie, per prospettare l’impegno economico (si dovrebbe aggirare sugli 80 euro a commerciante) e la ricerca degli sponsor”. All’incontro è stata invitata anche l’assessore al Commercio Barbara Manfredini. “La riunione – chiarisce Stanga – viene fatta in Camera di Commercio proprio per evidenziare la massima trasversalità”.

“Deve essere chiaro che una riunione di questo tipo, se verrà fatta, dovrà essere convocata dal Duc, non da una sola associazione”, interviene il segretario di Confesercenti, Giorgio Bonoli.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti