Commenta

Code ai passaggi a livello,
Bozzolo si prepara a
class action contro Rfi

La Giunta Comunale di Bozzolo, comune mantovano direttamente coinvolto nelle vicissitudini della linea ferroviaria Milano - Cremona - Mantova, ha deciso di contattare un legale per predisporre il testo della “class action” contro Rete Ferroviaria Italia.

La Giunta Comunale di Bozzolo, comune mantovano direttamente coinvolto nelle vicissitudini della linea ferroviaria Milano – Cremona – Mantova, ha deciso di contattare un legale per predisporre il testo della “class action” contro Rete Ferroviaria Italiana e soggetti responsabili dei continui ritardi dei treni e delle enormi attese degli utenti della strada ai passaggi a livello. Ne dà notizia, tramite la propria pagina Facebook, il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio.
“La situazione é notevolmente peggiorata nei giorni scorsi – spiega il primo cittadino – con code fino a via Arini, via 25 Aprile, e Valzania (oltre la Migross) fino ad occupare la sede stradale della Padana Inferiore, priva di adeguati segnali di pericolo. La sostituzione del passaggio a livello automatico di via Tezzoglio, con uno tradizionale comandato da Milano, ha riprodotto ed aggravato i rischi di tamponanento, favoriti dalle nebbie autunnali, per i mezzi in lunga attesa. La Direzione delle Ferrovie, in totale incoscienza, ha ignorato i reiterati richiami a rispettare gli standard di sicurezza e porterà sulla coscienza una decisione avventata e gravida di conseguenze per gli utenti della strada”.
Secondo lo stesso Torchio “accanto al danno economico e psicologico recato dai ritardi si stanno valutando i delicati profili di carattere penale. Infatti il tratto di strada compreso tra il passaggio a livello e la Padana Inferiore é troppo breve per poter ospitare in coda i tanti veicoli in attesa, con la conseguenza che alcuni sono costretti a sostare su un’arteria di grande comunicazione in mancanza dei necessari standard di sicurezza. Quando Tecnici e Responsabili ignorano l’evidenza…”. Il Comune ha così chiesto la collaborazione degli esercizi, uffici pubblici, delegazione Aci, Bar del paese, dato che è in questi luoghi che verrà organizzata la sottoscrizione dei moduli per l’azione popolare che, a breve, saranno disponibili.

© Riproduzione riservata
Commenti