Un commento

Treni sovraffollati, arriva
la petizione online:
'Abolire la fermata di Lodi'

Dopo i disagi degli ultimi giorni e il sovraffollamento sempre più pesante dei convogli lungo la Milano-Mantova, arriva la petizione dei pendolari per chiedere la sospensione della fermata di Lodi. Una decisione presa sull’onda dell’esasperazione, dopo che nella giornata di mercoledì un giovane è svenuto sul treno proprio per l’eccessiva folla. Il documento per la raccolta firme è stato pubblicato sul sito Change.org.

“I treni pendolari Regexp della tratta Milano-Mantova sono quotidianamente sovraffollati poichè si trovano a gestire un bacino d’utenza enorme” si legge nella petizione.

“
La città di Lodi è già servita da numerosi treni pendolari, nonchè da un passante ferroviario e numerosi autobus che hanno lo scopo di collegarla alla città di Milano” continuano i proponenti. “Spesso e volentieri i cittadini di Lodi vogliono fruire del servizio offerto da treni Regexp diretti a Milano e Mantova poichè questi consentono di risparmiare qualche minuto rispetto ai già abbondanti servizi di collegamento messi a disposizione da Trenord per la città.
Rinunciare alla fermata di Lodi sarebbe sinonimo, per i pendolari della tratta Milano-Mantova, di poter fruire di un servizio meno affollato e, sicuramente, anche più veloce”.

Intanto continuano i preparativi per l0 sciopero del biglietto (o abbonamento), che però per il momento rimane una prospettiva ancora incerta. Se tutto va come previsto, la manifestazione dovrebbe prendere il via il 14 dicembre, ma gli organizzatori, dei comitati di pendolari Utp e InOrario, stanno raccogliendo le adesione dei viaggiatori.

lb

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • fulvio rozzi

    quando la banca popolare di cremona è stata incorporata dalla banca popolare di lodi parecchi dipendenti sono stati trasferiti a lodi; quindi quotidianamente questi sono pendolari sulla tratta cremona lodi e ritorno ! Mi sembra strano che qualcuno non voglia più la fermata di lodi mettendo in grande crisi dei colleghi pendolari ! forse un ripensamento non sarebbe male ……….