Commenta

Omicidio da Frank: indagini chiuse,
per l'indiano di Robecco accusa
di concorso in omicidio

La procura di Brescia ha chiuso l'inchiesta sull'omicidio di Franco Seramondi e della moglie Giovanna avvenuto l'11 agosto scorso.

di Sara Pizzorni

La procura di Brescia ha chiuso l’inchiesta sull’omicidio di Franco Seramondi e della moglie Giovanna avvenuto l’11 agosto scorso. Per il delitto di via Val Saviore, alla periferia di Brescia, ci sono quattro indagati: tre indiani, uno dei quali residente a Robecco d’Oglio, e un pachistano. Figurano poi altri tre indagati per altri reati. Secondo la procura, Gurgjit Singh, 29 anni, operaio indiano residente nel cremonese, avrebbe procurato l’arma, concorrendo così nell’omicidio, essendo lo stesso a conoscenza che il delitto sarebbe stato commesso. L’uomo è risultato infine estraneo al ferimento del dipendente albanese di Frank Seramondi avvenuto nel luglio scorso.

Secondo la procura, quel giorno d’agosto nella pizzeria gestita da Frank erano entrati un indiano, Sarbjit Singh, e un pachistano, Muhammad Adnan. Entrambe le vittime erano state uccise a fucilate. Secondo il pachistano, che gestiva un locale a poca distanza dalla pizzeria, il duplice omicidio sarebbe avvenuto per questioni di concorrenza. Successivamente erano finiti in manette altri due indiani: Santokh Singh, detto Vicky, di Mairano, accusato di concorso in omicidio plurimo premeditato, di ricettazione e di porto d’armi illecite, e Gurjit Singh, di Robecco d’Oglio.

Tre delle quattro persone coinvolte nell’omicidio (tranne l’indiano di Robecco) sarebbero tutte coinvolte anche nel tentato omicidio di Arben Corri, il dipendente albanese di Frank che era stato ferito a colpi di pistola alcune settimane prima della morte del datore di lavoro e della moglie. Per quanto riguarda l’arma, ci sono due indagati per ricettazione: l’indiano Harjaap Singh e un italiano che sarebbe entrato in possesso dell’ arma dopo il tentato omicidio. Infine Gurjiender Singh, indiano, è indagato per false dichiarazioni all’autorità giudiziaria.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti