2 Commenti

Smog. blocchi della circolazione
anche per Euro 3 dopo 10 giorni
di superamento dei limiti

Sul problema dell'inquinamento si sono incontrati giovedì sera i sindaci di Cremona e dei Comuni dell'area critica (Fascia 1): Bonemerse, Castelverde, Gadesco Pieve Delmona, Gerre De’ Caprioli, Malagnino, Persico Dosimo, Sesto ed Uniti e Spinadesco.

Sul problema dell’inquinamento si sono incontrati giovedì sera i sindaci di Cremona e dei Comuni dell’area critica (Fascia 1): Bonemerse, Castelverde, Gadesco Pieve Delmona, Gerre De’ Caprioli, Malagnino, Persico Dosimo, Sesto ed Uniti e Spinadesco. Scopo, quello di condividere azioni strutturali ed emergenziali per affrontare il problema. Infatti per contrastare il fenomeno dell’inquinamento atmosferico dell’aria da polveri sottili (Pm10) è essenziale che gli interventi siano condivisi e coordinati e su un’area estesa.

“Nel periodo critico individuato dalla L.R. 24/2006, dal 15 ottobre di ogni anno, fino al 15 aprile dell’anno successivo, sono già in vigore le misure previste dal Piano Regionale Inquinamento Atmosferico che prevedono il blocco della circolazione dal lunedì al venerdì per le auto classe euro 0 euro 1 euro 2 diesel, e controlli sugli impianti termici e a biomassa legnosa, per verificarne il loro corretto utilizzo e l’efficienza; la riduzione delle temperature negli ambienti chiusi e il divieto per i negozi di tenere le porte d’ingresso aperte” fanno sapere dall’amministrazione.

I Comuni presenti hanno condiviso l’urgenza di “ampliare ulteriormente gli interventi previsti dalla Regione Lombardia, prevedendo l’emissione di un’ordinanza sindacale che estenda il divieto di circolazione ai veicoli diesel euro 3 portando la limitazione della circolazione anche al sabato e alla domenica” spiegano ancora dal Comune. “Questo provvedimento sarà preso nella consapevolezza che la tutela della salute pubblica sia prioritaria rispetto ad eventuali disagi che il divieto di circolazione potrebbe creare”.

Questa ordinanza entrerà in vigore esclusivamente in occasione del protrarsi del superamento della soglia delle polveri per 10 giorni consecutivi e in caso di adozione ne sarà data tempestiva comunicazione. Per ridurre il disagio nella mobilità e favorire l’uso del trasporto pubblico il Comune di Cremona sta trovando un’intesa con l’azienda Km S.p.A. per introdurre delle agevolazioni. Raggiunta l’intesa anche per mettere in campo una serie di interventi più strutturali che saranno contenuti in un nuovo Protocollo d’Intesa che i comuni hanno condiviso e che sottoscriveranno a breve. Stabilito infine di attuare campagne informative per diffondere buoni comportamenti individuali, infatti l’utilizzo eccessivo del riscaldamento domestico e il traffico veicolare sono tra i principali responsabili del particolato.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • paolo

    le solite misure comiche come si possono controllare tra migliaia di macchine in circolazione le macchine euro 1,2 ,e tre siamo alle comiche finali

  • Sorcio Verde

    Gli ambientalisti non hanno nulla da dire?Nessun girotondo in programma?Nessun cartello da appendere al collo? Con l’amministrazione di sinistra va bene tutto?