Commenta

Il Comune: limitazioni
su corso Garibaldi per
tutelare l'utenza debole

Dal Comune le motivazioni alla base della scelta di limitare i transiti in area pedonale anche per i disabili.

In merito alla mozione (leggi qui) presentata dal consigliere Carlaberto Ghidotti sull’accessibilità dei veicoli dei disabili nella zona pedonale di corso Garibaldi, il Comune precisa che “il provvedimento (Ordinanza n.8258 del 29 settembre 2015), come per le altre zone pedonali, è stato preso proprio per salvaguardare la vivibilità e le attività di rigenerazione programmate, proteggere l’utenza debole presente in queste vie ed evitare attraversamenti e la presenza impropria di veicoli.

Il transito dei veicoli autorizzati, compresi quelli al servizio di persone con difficoltà motoria, è ammesso solo ed esclusivamente per raggiungere una destinazione in zona pedonale e non per il semplice attraversamento. Come si deduce dalle deroghe previste dallo stesso provvedimento, anche i taxi, assimilati dalla normativa vigente a servizio pubblico, sono autorizzati all’accesso all’area pedonale solo ed esclusivamente per accedere al trasporto e carico scarico di persone della zona.

“Per quanto riguarda i nuovi parcheggi per disabili si evidenzia che nell’area A, all’interno dei varchi, i posti auto sono stati incrementati in piazza Roma e anche a ridosso della nuova area pedonale in largo Boccacino, in via XX settembre e in via Platina ne sono stati creati di nuovi.

“Va sottolineato che la collaborazione con le associazioni che tutelano i diritti dei diversamente abili è proficua, e, oltre a quanto fatto sino ad ora, è allo studio un’apposita campagna di sensibilizzazione per tutelare il loro diritto al parcheggio e ad incrementare ulteriormente i posti loro riservati.

“Infine – conclude il Comune  – come deciso all’unanimità in Consiglio comunale nella seduta del 13 aprile scorso, a seguito della mozione presentata proprio dal consigliere Carlaberto Ghidotti ed emendata dal capogruppo del Partito Democratico Rodolfo Bona, nell’ambito del nuovo Piano della sosta e della mobilità si provvederà a realizzare nuovi stalli per diversamente abili nei pressi di luoghi pubblici strategici”.

© Riproduzione riservata
Commenti