Commenta

Gli studenti del collettivo
irrompono alla serata
Pd sulla scuola

'Boicottiamo la buona scuola': questo recitava lo striscione con cui un gruppo di studenti ha fatto irruzione in sala Zanoni, lunedi sera 18 gennaio.

‘Boicottiamo la buona scuola’: questo recitava lo striscione con cui un gruppo di studenti ha fatto irruzione in sala Zanoni, lunedi sera 18 gennaio, su iniziativa del collettivo studentesco. Era appena iniziata la tavola rotonda “Costruiamo insieme la buona scuola”, coordinata da Franco Verdi, con Luca Burgazzi e la senatrice Simona Malpezzi. Gli autonomi hanno tolto il microfono dalle mani di Verdi, impedendogli di continuare e contestando il concetto di buona scuola del governo Renzi. In particolare, è stato ricordato che lo stesso ministro Giannini ha giudicato un errore la ‘terza fase’ di immissioni di docenti nelle classi in quanto questi resteranno solo per un anno nella sede assegnata. “Per parlare di scuola bisogna viverla e non averla fatta 30 o 40 anni fa, perché la scuola è di chi la vive e non di chi l’amministra”, hanno poi riassunto sulla pagina Fb del collettivo.

L’interruzione, tra l’imbarazzo di Burgazzi che ha accolto la Malpezzi in arrivo proprio in quel momento, è durata poco meno di 10 minuti, dopodiché i ragazzi se ne sono andati. ‘Mi spiace che non siano rimasti, avremmo potuto confrontarci”, ha detto la senatrice.

© Riproduzione riservata
Commenti