Commenta

Addetto infedele ruba i soldi
del bagno dei giardini,
inchiodato dai vigili

Un addetto alla manutenzione del bagno pubblico dei giardini di piazza Roma, dipendente di una ditta privata, è stato inchiodato e denunciato dalla polizia municipale per il furto di denaro presente nella cassetta dei pagamenti per l’accesso al servizio. “Determinante il rinforzo dei controlli in sala operativa attraverso il sistema di videosorveglianza”, sottolinea il comandante dei vigili, Pierluigi Sforza. La settimana scorsa sempre attraverso il sistema di telecamere un agente della sala operativa aveva notato un esibizionista che si stava masturbando su una panchina di piazza Roma e aveva permesso il rapido intervento di un collega sul posto.

I fatti risalgono a un paio di giorni fa. Un addetto al controllo degli schermi collegati alla videosorveglianza ha notato che l’uomo – un 63enne residente a Milano incaricato delle pulizie e anche della consegna della cassetta del denaro all’Ufficio economato del Comune di Cremona – con fare circospetto stava mettendo le mani sul denaro. Una pattuglia, allertata, si è immediatamente recata sul posto e ha accertato il reato, facendosi consegnare il denaro sottratto, circa 15 euro (la tariffa del bagno pubblico è di 30 centesimi).

Solitamente il 63enne cambiava la cassetta e consegnava quella piena al Comune un paio di volte a settimana. Di recente, però, le consegne si erano diradate (chiamava gli uffici comunali per avvertire che non avrebbe effettuato la consegna sostenendo che la cassetta era praticamente vuota) e gli importi si erano ridotti. In corso accertamenti con incrocio di dati per verificare il possibile ammanco medio. Secondo quanto ricostruito dalla polizia municipale, l’addetta era riuscito a fare un doppione della chiave della cassetta.

m.f.

© Riproduzione riservata
Commenti