Commenta

Impronta cremonese
nel nuovo disco di L'Aura,
'Il contrario dell'amore'

C’è una grossa fetta di cremonesità nel nuovo album della celebre cantante L’Aura, cremonese d’adozione dopo il matrimonio con il produttore Simone Bertolotti (titolare degli White Studio), con cui vive proprio in città. Un album, ‘Il contrario dell’amore’, realizzato tra Cremona, Lari, Budapest e mixato agli Electric Lady Studios di New York da Michael Brauer. Un disco innovativo, che racchiude influenze legate agli anni ’60/’70 e ’90.

E’ stato proprio Bertolotti a produrre il disco che, come rivela egli stesso, per l’80% è stato scritto proprio dalla stessa cantante nella città di Cremona. In un video che sta girando su YouTube si vedono immagini di molti momenti della registrazione, con in sottofondo la cover, cantata da L’Aura, di ‘Be my Baby’.

La cover, scrive l’artista nella propria pagina Facebook, “racchiude il sound di una parte molto importante del mio nuovo disco. In ogni mio disco del passato ho sempre cercato di inserire delle cover di artisti per me molto importanti. Lo feci con David Bowie, Bonnie Tyler, coi Beatles. E oggi lo faccio con questo brano delle Ronettes”. Il video con la cover, racconta L’Aura, racchiude “tutto lo spirito del mio nuovo lavoro: spontaneo, diretto, divertente, energico e naif. Che, attenzione, non vuol dire leggero. I testi nuovi raccontano una storia lunga quattordici canzoni, più una”.

Alla realizzazione del disco hanno lavorato: Simone Bertolotti, Emi Lia No Bassi, Elio Rivagli, Andrea Torresani, Matteo Bassi, Davide Pezzin, Davide Tagliapietra, Marco Pancaldi, Giorgio Secco, Elvezio Fortunato, Cocò Oliva, Michele Quaini, Massimo Zanotti, Davide Ghidoni, Roberta Granà, Gianluigi Fazio, Stefano Signoroni, Nicole Pellicani, Nathan Maria Radovic, Gnu Quartet (Francesca Rapetti, Stefano Cabrera, Raffaele Rebaudengo, Roberto Izzo), Budapest Art Orchestra directed by Tomas Bolba, Adriano Pennino, Maurizio Bassi, Raffaele Stefani, Michael Brauer, Mark Bengtson, Marco Barusso, Giovanni Versari, Mattia Bonvini, Marco Gorini, Andrea Ciacchini,  Niccolò Agliardi e Leonardo Bertolotti.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti