Commenta

Amianto, due nuovi
sopralluoghi nelle vie
Bissolati e Sammachini

Continuano a piovere numerose le segnalazioni da parte di cittadini per la presenza di amianto nei più svariati siti, in città e fuori. “Le ultime due segnalazioni oggetto di sopralluoghi riguardano via Bissolati, ove giace una struttura fatiscente con cedimenti strutturali e copertura in presunto eternit, e via Sammachini, dove l’amianto sarebbe nell’area di locali accessori o garage” evidenziano i referenti di Ona Cremona, Danilo Dilda e Ivano Bonoldi.

“I nostri sopralluoghi si trasformano poi in esposti, sulla base dei quali l’amministrazione comunale emette poi relative ordinanze. A questo proposito verranno presto aree importanti come capannoni artigianali, cascine e capannoni agricoli con annessi allevamenti nelle zone di via mantova e della Tamoil.

Per fare il punto della situazione, una riunione si è svolta nel pomeriggio di oggi in Comune, alla presenza di parte della Giunta, nel corso della quale si è pianificata un’ulteriore serie di incontri per monitorare step by step i campionamenti di materiale edile nelle scuole e, soprattutto, i fondi che dovranno essere erogati dalla Regione Lombardia per le successive bonifiche.

“Auspichiamo un coinvolgimento dell’Asst anche per poter visionare ed analizzare i dati epidemiologici sulle patologie amianto-correlate registrate nel nostro territorio” continuano Dilda e Bonoldi, che ringraziano invece chi già si è impegnato per sistemare le cose. E’ il caso del Dopo Lavoro Ferroviario di Cremona, “che ha bonificato,in primis, l’area dell’ex bocciodromo dove attualmente sorge un esercizio di ristorazione molto frequentato,e poi una vecchia area ad utilizzo accessorio del settore canottieri,non lontana da palestra e campi da tennis. Il Presidente Giuseppe Ghisolfi ha sollecitato l’intervento di bonifica ancor prima dell’apertura della stagione estiva”.

“Un ultimo ringraziamento va proprio agli assessori Andrea Virgilio, Alessia Manfredini, al vice sindaco Maura Ruggeri e al sindaco Gianluca Galimberti, che hanno sempre accolto le nostre richieste di aiuto indagando sui singoli casi con i competenti tecnici comunali”.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti