Commenta

Reindustria, nominato
nuovo Cda, Cappellini
riconfermato presidente

In data 26 luglio 2016 si è insediato il nuovo Consiglio di amministrazione della società Rei – Reindustria Innovazione, che resterà in carica nel triennio dal 2016 al 2019.
Il Consiglio è composto da Giuseppe Capellini (in rappresentanza di C.C.I.A.A. di Cremona), Maura Ruggeri (in rappresentanza del Comune di Cremona), Elisabetta Rotta Gentile (in rappresentanza del Comune di Crema), Marco Micolo (in rappresentanza del Comune di Casalmaggiore), Marco Cavalli (in rappresentanza della Provincia di Cremona), Giulio Baroni (in rappresentanza di Confartigianato Imprese Crema), Massimiliano Falanga (in rappresentanza di Associazione Industriali), Stefania Milo (in rappresentanza di C.N.A. Cremona), Berlino Tazza (in rappresentanza di Asvicom Cremona), Giuseppe Zucchetti (in rappresentanza della Libera Associazione Artigiani di Crema), Marina Zanotti (in rappresentanza di Apindustria Cremona).

I nuovi Consiglieri, che eserciteranno il loro ruolo a titolo gratuito, sono stati eletti in sede di assemblea ordinaria dei soci del 29 giugno 2016 e nei giorni successivi per nomina diretta relativamente a Provincia di Cremona.
Durante l’Assemblea sono stati nominati altresì i componenti del collegio sindacale, in carica dal 2016 al 2019, composto da Luigi Olmo, in qualità di presidente del collegio sindacale, da Sara Melegari e da Alessandra Mariani, come sindaci effettivi. Sindaci supplenti saranno Eliana Pirini e Stefano Nigroni.

Il nuovo consiglio, nella prima seduta del 26 luglio 2016, ha proceduto alla nomina del presidente attraverso la riconferma di Giuseppe Capellini, espressione di Camera di Commercio di Cremona. Il presidente Capellini ha ringraziato tutti i partecipanti per l’impegno e la passione da poter dedicare ad assolvere un incarico così importante.

Il Consiglio ha inoltre affrontato valutazioni approfondite rispetto alle priorità di lavoro, recependo in pieno le tre aree di intervento individuate dal Consiglio precedente e approvate in assemblea dei soci: il Marketing territoriale, l’Innovazione e la ricerca, le Startup innovative.
Per affrontare con serietà questi obiettivi, il Consiglio ha ritenuto di procedere all’individuazione di un metodo organizzativo interno pragmatico e funzionale a tutto il territorio provinciale, ottenendo maggiore collaborazione da parte di tutti gli attori del territorio rappresentato e aprendo anche al supporto di persone specializzate nei vari ambiti. Dopo la breve pausa estiva il Consiglio si ritroverà per entrare nel merito specifico e finalizzare quanto emerso.

© Riproduzione riservata
Commenti