Commenta

1.200 chilometri in bici in
Perù e 4 giorni di trekking
per il cremonese Devincenzi

Milleduecento chilometri in bicicletta più quattro giorni di trekking in Perù. Questa la nuova impresa dell’atleta paralimpico Andrea Devincenzi, originario di Martignana Po. L’uomo vive senza una gamba ormai da quando aveva 17 anni, a causa di un incidente motociclistico. Ma non si è dato per vinto, e negli anni ha messo in campo una serie impressionante di imprese sportive: non solo varie granfondo di ciclismo, ma anche una Parigi-Brest-Parigi e un raid in autosufficienza sulla strada carrozzabile più alta del mondo, in India: 700 km che lo hanno portato a quota 5.600 metri. Un record per un atleta amputato. Devicenzi è partito il 25 luglio per il Perù: 1.200 km in Mtb da Lima a Cusco e 4 giorni di trekking con le stampelle. Obiettivo: raggiungere Machu Picchu
in solitaria. La tabella di marcia prevede 8 giorni per percorrerere in mountain bike i 1.200 km della “Panamericana sud”, la strada che costeggia la costa del Pacifico, attraversando paesaggi mozzafiato tra dune di sabbia e montagne. Giunto a Cusco, inizierà il trekking attraverso le montagne, seguendo l’antico cammino percorso dagli Inca più di mezzo millennio fa.  Il trekking lo vedrà impegnato in una scalata con l’ausilio delle stampelle, salendo in un solo giorno 1.600 metri di dislivello.

© Riproduzione riservata
Commenti